Calciomercato Napoli – Spunta Brekalo per gli azzurri: “Può arrivare già a gennaio”

Secondo Sky Sport il club partenopeo sarebbe pronto a sferrare l’assalto decisivo per strappare l’attaccante croato ai tedeschi del Wolfsburg

Potrebbe non fermarsi agli arrivi di Bereszyński e Gollini il mercato del Napoli nel mese di gennaio. Nelle ultime ore, infatti, è spuntato con forza in chiave azzurra il nome di Josip Brekalo, attaccante del Wolfsburg e della nazionale croata, già seguito con grande attenzione in passato dal club partenopeo.

Secondo quanto scrive il giornalista di Sky Sport Gianluca Di Marzio sul proprio sito ufficiale, il Napoli avrebbe già avviato i contatti con la società tedesca per provare ad acquistare già a gennaio l’esterno d’attacco ex Torino. A risultare decisiva potrebbe essere la volontà del giocatore, che spinge per trasferirsi all’ombra del Vesuvio. Il calciatore, autore di 7 gol in Serie A la scorsa stagione con la maglia granata, si svincolerà a parametro zero dal Wolfsburg il prossimo 30 giugno. “Nonostante ciò, Giuntoli e la dirigenza azzurra vorrebbero anticipare a oggi la futura mossa a parametro zero. Resta però il problema della lista dei giocatori del Napoli, che al momento necessita di essere sfoltita. Tutto dipenderà dalle uscite, con le prossime ore che saranno decisive per capire i margini di intervento. Anche l’Udinese è sull’ex Torino: il club bianconero si è inserito per il giocatore e fa seriamente concorrenza al Napoli. L’Udinese è in pressing per chiudere prima l’operazione, considerando il bisogno dei partenopei di prendere tempo per liberare un posto in lista o cercare eventualmente una squadra a cui girarlo in prestito fino a giugno”, si legge sul sito di Gianluca Di Marzio. 

I

l 5 febbraio si rinnova l’appuntamento con #domenicalmuseo, l’iniziativa del Ministero della Cultura che consente l’ingresso gratuito, ogni prima domenica del mese, nei musei e nei parchi archeologici statali. 

Le visite si svolgeranno nei consueti orari di apertura, con accesso su prenotazione dove previsto. 

Porte aperte gratuitamente, quindi, anche in tutti i musei e i luoghi della cultura statali di Napoli come Castel Sant’Elmo e Museo del Novecento, Certosa e Museo di San Martino, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Museo e Real Bosco di Capodimonte, Museo della ceramica Duca di Martina in Villa Floridiana, Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes e Museo delle Carrozze e Palazzo Reale di Napoli. Ingresso gratuito anche alle aree archeolgiche di Pompei, Ercolano, Campi Flegrei e al Parco Archeologico Sommerso di Gaiola.

“Ma certe posizioni erano in malafede”

“Veniamo da anni in cui avere idee di destra o militare in formazioni politiche dello stesso schieramento significava correre qualche rischio. A Napoli meno che a Bologna. Negli anni di piombo sventolare un tricolore era una dimostrazione di tendenze di destra. Ma certe posizioni erano in malafede. Cosi qualcuno ha pensato fosse necessario reagire. Oggi i tempi sono cambiati”, ha spiegato Gianfranco Fini, ex presidente della Camera, a Napoli, nel corso della presentazione del libro “La Casta siete voi” di Enzo Raisi.

Per i restauri delle facciate e lo smontaggio dei ponteggi in sicurezza

𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗼𝗿𝗲 𝟲:𝟬𝟬 𝗱𝗲𝗹 𝟯𝟭/𝟬𝟭/𝟮𝟬𝟮𝟯 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗼𝗿𝗲 𝟲:𝟬𝟬 𝗱𝗲𝗹 𝟬𝟮/𝟬𝟮/𝟮𝟬𝟮𝟯 saranno chiuse le corsie di transito in entrambi i sensi di marcia della Galleria Vittoria per consentire, a seguito di ultimazione dei restauri delle facciate, lo smontaggio dei ponteggi in sicurezza. Considerata l’importante funzione di collegamento tra il Centro e la zona di Chiaia-Posillipo-Fuorigrotta si è reso necessario predisporre un dispositivo temporaneo di viabilità alternativa che prevede:

-in 𝘃𝗶𝗮 𝗖𝗵𝗶𝗮𝘁𝗮𝗺𝗼𝗻𝗲, per consentire il collegamento in direzione ovest verso Chiaia-Posillipo-Fuorigrotta, l’istituzione di senso unico di circolazione verso Piazza Vittoria a partire dalla confluenza con via Santa Lucia fino all’intersezione con via Giorgio Arcoleo/Galleria della Vittoria/via Domenico Morelli;

– in 𝘃𝗶𝗮 𝗚𝗶𝗼𝗿𝗴𝗶𝗼 𝗔𝗿𝗰𝗼𝗹𝗲𝗼, per consentire il collegamento in direzione ovest verso Chiaia-Posillipo-Fuorigrotta, l’istituzione di senso unico di circolazione verso Piazza Vittoria a partire dall’intersezione di via Chiatamone/Galleria della Vittoria/via Domenico Morelli;

-𝗶𝗻 𝗽𝗶𝗮𝘇𝘇𝗮 𝗩𝗶𝘁𝘁𝗼𝗿𝗶𝗮 𝗲 𝘃𝗶𝗮 𝗣𝗮𝗿𝘁𝗲𝗻𝗼𝗽𝗲, per consentire il collegamento in direzione Centro, l’istituzione di senso unico di circolazione a partire dalla confluenza con via Caracciolo fino all’intersezione con via Santa Lucia;

-𝗶𝗻 𝘃𝗶𝗮 𝗦𝗮𝗻𝘁𝗮 𝗟𝘂𝗰𝗶𝗮: il senso unico di circolazione da via Cesario Console a via Chiatamone e la sospensione della corsia preferenziale in questo tratto.

Luca Abete: “Basterebbe riaprire il parcheggio sotterraneo dello stadio”

Parcheggiatori abusivi e sosta selvaggia davanti ai vigili allo stadio di Napoli Luca Abete torna al San Paolo, lo stadio Maradona, per documentare un fenomeno che accade a ogni partita del Napoli: gli abusivi chiedono 10 euro a ogni automobilista e poi se ne vanno quando entrano in azione i carri attrezzi.

Tra l’altro a fine dicembre, in seguito proprio all’intervento di rimozione auto per la sosta selvaggia, nei pressi dello stadio gli automobilisti sanzionati avevano inscenato una protesta bloccando il traffico veicolare a Fuorigrotta. “E pensare che sotto lo stadio c’è un grande parcheggio realizzato in occasione di Italia 90, mai utilizzato, che potrebbe risolvere in buona parte l’annoso problema della sosta in occasione delle partite casalinghe del Napoli”, denuncia l’inviato di Striscia la Notizia

 Dai protagonisti di una vicenda che merita di essere conosciuta nella sua interezza: il Sisde lavorò attivamente, dal 2003 al 2006, alla cattura di Matteo Messina Denaro. Arrivandoci molto vicino. Adescandolo con un’esca e riuscendo a tracciarne il ‘perimetro vitale’. E questo grazie a un’attività di indagine under cover, con un infiltrato – facente base a Castelvetrano, nel trapanese – che riuscì a individuare qual era l’area in cui il boss doveva essersi nascosto. Tanto da intraprendere una corrispondenza diretta con Matteo Messina Denaro capace di far capire dove fosse il latitante, ma ancor più: capace di mettere le mani sul patrimonio nascosto dal boss di Cosa Nostra.Una indagine durata tre anni e che sarebbe arrivata a meta se non ci fosse stata, a fermarla, la Procura di Palermo. In particolare due Pm: Giuseppe Pignatone e Roberto Scarpinato, diedero ordine di fermare le indagini . Antonio Vaccarino. Insegnante di liceo amato dai suoi studenti, viene eletto sindaco di Castelvetrano con la Dc. Poi finisce in una storia opaca, viene portato addirittura nel carcere di Pianosa: associazione mafiosa. Le accuse cadono, ma la Procura gli contesta un traffico di droga.

Arrestato giovane spacciatore nel centro di Salerno. Nella serata di sabato, nella zona della Lungo Irno, i poliziotti hanno notato un’auto con due giovani a bordo con una condotta di guida scorretta. I due sono stati fermati e controllati: uno di loro, M.A., 20enne di Mercato di San Severino, è stato trovato con droga nascosta nel giubbino. In particolare, aveva quattro dosi di hashish pronte alla vendita e complete di indicazione del prezzo oltre a varie banconote. Nella sua abitazione, inoltre, nascosto all’interno della camera da letto, gli agenti della Squadra mobile hanno trovato un panetto di hashish per un peso di circa 56 grammi e un bilancino elettronico. Il giovane è stato arrestato e posto a disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa dell’udienza di convalida.

Sant’Elia a Pianisi  piccolo centro di 1610 anime nella provincia di Campobasso, da qualche giorno sono state messe in vendita otto abitazioni al costo simbolico di un euro. La procedura per l’acquisizione degli immobili è snella, il prezzo vantaggiosissimo: ma ci sono anche degli oneri per chi acquista. idealista/news ha intervistato il sindaco, Biagio Faiella.In teoria. In realtà deve considerare che ci sono delle clausole molto precise da rispettare: entro sei mesi dall’acquisto della casa va presentato al Comune un progetto di ristrutturazione, per esempio. E poi ha l’obbligo di concludere i lavori entro i tre anni successivi. Se, allo stesso modo, la realizzazione dell’opera viene eseguita da ditte del posto, c’è un ulteriore vantaggio. Un altro criterio che utilizziamo è assegnare un punteggio superiore a chi si impegna a terminare l’opera prima.Sì però bisogna fare una fideiussione per garantire che effettivamente quel lavoro verrà eseguito,il costo è di 5.000 euro.

Si apre una settimana determinante per l’andamento dei mercati finanziari, con la Fed e la Bce che devono decidere come muovere i tassi di interesse. Più o meno tutti gli analisti e i macroeconomisti sono concordi nel prevedere che la Fed frenerà la corsa al rialzo aumentando il tasso di sconto di soli 25 punti base mentre Christine Lagarde continuerà nella politica restrittiva con un rialzo da 0,5%. La differenza di intensità della stretta sulle due sponde dell’Oceano Atlantico è dovuta al fatto che negli Stati Uniti i dati sul rallentamento dell’inflazione sono più evidenti che in Europa (mercoledì si conoscerà il nuovo indice dei prezzi dell’eurozona) ma anche al fatto che la Bce ha iniziato dopo la Fed a far crescere il costo del denaro.Lo Stoxx 600 è cresciuto del 7,13% mentre il rendimento del Bund tedesco è sceso dello 0,2% con uno speculare aumento dei prezzi delle obbligazioni.  I mercati stanno dunque prezzando due ulteriori rialzi di 0,5 punti fino ad arrivare al 2,5% e poi uno stop, qualsiasi deviazione da questo sentiero comporterà un peggioramento delle quotazioni.

«Perdonami papà…», comincia così la lettera inviata dal carcere di Trapani, dove è rinchiuso, da E.F. al padre della moglie. L’ex pescatore, 63 anni, è stato arrestato per il femminicidio della moglie M.A. , 29 anni. La giovane donna è stata uccisa con dodici coltellate all’addome il giorno della vigilia di Natale 2022 a Marinella di Selinunte Il padre di M. A., tramite il suo legale, l’avvocato Vito Daniele Cimiotta, del Foro di Marsala, fa sapere che non avrà mai alcun sentimento di perdono nei confronti dell’uomo che gli ha portato via, così brutalmente, la figlia. .