L’ennesima bufala su WhatsApp che diventerà a pagamento

“Whatsapp diventerà a pagamento”. Ma è l’ennesima bufala che riguarda il servizio di messaggistica più usato e diffuso in Italia. Il nuovo allarme è partito il giorno della Befana e rapidamente si è diffuso usando il solito meccanismo della catena di sant’Antonio. Moltissimi utenti, infatti, pur di non rischiare di dover pagare quello che è ancora oggi un servizio gratuito hanno preferito alimentare la fake news, facendola circolare nei gruppi e nelle conversazioni private.