Milano, tre carabinieri arrestati per peculato, droga e calunnia

I carabinieri del Nucleo investigativo di Monza hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip di Milano, nei confronti di tre milari dell’Arma ritenuti responsabili di peculato, detenzione illecita di sostanze stupefacenti, calunnia, arresto illegale e falsità ideologica: uno di loro era già stato sospeso e posto ai domiciliari.
Le indagini nascono dagli sviluppi di una precendente inchiesta che nell’aprile del 2017 aveva già portato in carcere uno dei tre, un sottufficiale dei carabinieri all’epoca dei fatti Comandante dell’Aliquota Radiomobile del NORM di Cassano d’Adda, ritenuto responsabile di spaccio, peculato, corruzione e falso in atto pubblico. Era ai domiciliari, ora è tornato in carcere. Gli altri militari arrestati sono un vicebrigadiere di 47 anni e un appuntato scelto di 52, entrambi da tempo assegnati alla compagnia di Cassano d’Adda e fino a ieri in servizio.