Berlusconi furioso con Salvini: «Ora Di Maio ci fa chiudere le tv»

Francesco Verderami 3 ore fa

Il suicidio politico del M5s

È crisi diplomatica con la Francia
ROMA — «Gli avevo chiesto solo una cosa… Adesso quello se potrà ci farà chiudere le televisioni». Il tono millenarista di Berlusconi sulle sorti di Mediaset accompagna la sequenza di epiteti verso Salvini, reo di non aver tenuto la parola sul tema di governo che al Cavaliere premeva (e preme) più di ogni altra cosa: la delega sulle Telecomunicazioni, che in base ai patti stipulati tra i due alleati di centrodestra sarebbe dovuta andare a un esponente leghista. Così aveva assicurato solo qualche giorno fa il sottosegretario alla presidenza Giorgetti, nel corso di una telefonata con la senatrice azzurra Ronzulli. La sua descrizione del Biscione che finisce soffocato dalle norme punitive di Di Maio è una forma di difesa preventiva, un modo per preparasi a denunciare un conflitto d’interessi del capo grillino, se davvero il ministro per lo Sviluppo economico decidesse di accanirsi contro l’azienda dello storico avversario politico. Per il Cavaliere inoltre questa è la prova del «tradimento» di Salvini, la dimostrazione che il segretario della Lega non lo considera più un partner strategico, che nei suoi piani il destino di Forza Italia è di essere annessa o al più ridotta a un ruolo ancillare. Altrimenti — questa è la tesi — Salvini si sarebbe speso nella trattativa con l’altro vicepremier, pur di onorare l’accordo con l’alleato.

© Fornito da RCS MediaGroup S.p.A. Matteo Salvini e Silvio Berlusconi durante le consultazioni dopo il voto del 4 marzo 2018 (Ansa)
Chi sono i nuovi viceministri e sottosegretari di Lega e M5S
Ma l’alleanza di centrodestra si è rotta da tempo, e ormai non regge più neppure la narrativa deamicisiana di Salvini, che dice di tenere sempre un filo diretto con Berlusconi. In realtà le relazioni si sono rarefatte e sono mediate, e certo al Cavaliere non può bastare l’estrema garanzia che gli è stata riferita, e cioè che «Di Maio avrà la delega ma poi tutto verrà affidato ai tecnici del ministero». Non sarà così. Perché proprio sulle Tlc il capo dei grillini dovrà dar prova del «cambiamento» anzitutto all’ala movimentista dei Cinquestelle. E infatti il nodo delle Telecomunicazioni è stato il passaggio più delicato nella trattativa a palazzo Chigi. Questa delega per Di Maio aveva più rilevanza della presidenza del Consiglio, non solo simbolicamente: «Le pressioni sono state fortissime», ammette un autorevole dirigente pentastellato. Lo avevano intuito anche sul fronte opposto. Raccontano che venerdì il presidente di Mediaset Confalonieri sia andato su tutte le furie dopo la lettura sul Fatto dell’editoriale di Travaglio, al punto che meditava di querelare per alcuni passaggi ritenuti «calunniosi». In coda al pezzo c’era poi una frase che è stata considerata un vero e proprio avvertimento a Di Maio: se la delega alle Telecomunicazioni fosse affidata a un «finto-leghista che Berlusconi indicherà, o magari ha già indicato, sarebbe l’ultima truffa». Il capo del Movimento in questa fase può assorbire l’urto delle critiche sulla linea del governo, può reggere l’accusa di essere finito al traino di Salvini: c’è sempre tempo per imporre in futuro la propria agenda. Ciò che Di Maio non si può permettere è di venire additato per aver anche solo indirettamente agevolato il Cavaliere: il marchio dell’«inciucio» lo delegittimerebbe agli occhi del popolo grillino. E non c’è dubbio che il problema abbia fatto da sfondo alla trattativa con Salvini: per questo Di Maio ha voluto per sé la delega alle Tlc. L’argomento è stato affrontato al tradizionale pranzo di Arcore del lunedì: il timore — condiviso alla tavola del Cavaliere — è che per contrastare mediaticamente Salvini, i Cinquestelle muoveranno sui temi della giustizia e delle telecomunicazioni. «Silvio — ha detto Confalonieri a Berlusconi —, politicamente muoviti come meglio credi. L’azienda farà l’azienda, non ha nulla da temere». Se potesse, Berlusconi griderebbe in pubblico quel che ha sussurrato al premier Conte quando l’ha conosciuto: «…Che poi Di Maio non avrà studiato, ma si vede che è un ragazzo intelligente. Quell’altro invece…». L’altro sarebbe il suo alleato.