Acquistare prima casa in leasing 2018

La Legge di stabilità 2016 (L.205/2015), all’articolo 1 commi da 76 a 84, ha introdotto nell’ordinamento una normativa specifica per il leasing finanziario di immobili abitativi, dettando una disciplina fiscale di favore tesa a incentivare l’utilizzo di tale contratto per l’acquisto dell’abitazione principale.
In passato lo strumento non veniva utilizzato per l’acquisto della “prima casa” poiché privo sia delle opportune tutele legislative in capo alla società concedente – circostanza ostativa allo sviluppo della relativa offerta sul mercato – sia per l’assenza di benefici fiscali, in capo all’utilizzatore, equiparabili all’acquisto diretto finanziato con mutuo ipotecario.
La nuova disciplina, diminuendo i fattori di svantaggio del leasing rispetto al contratto di mutuo, rappresenta uno strumento innovativo per l’acquisto di un’abitazione, consentendo di acquisire l’immediata disponibilità dell’immobile a fronte del pagamento di canoni periodici, rinviando ad un momento futuro l’eventuale acquisto ad un prezzo ridotto.
1) Leasing abitativo 2018: vantaggi e svantaggi
2) Soggetti interessati al leasing abitativo
Questo articolo è estratto dall’ eBook Acquistare casa in leasing
Leasing abitativo 2018: vantaggi e svantaggi .L’intervento normativo poggia sostanzialmente su tre pilastri: ridurre il gap in termini di minore convenienza del leasing rispetto al contratto di mutuo; rimuovere le cause ostative che, sul piano civilistico, rendono poco conveniente per le società di leasing la messa a disposizione di un’unità immobiliare da adibire a “prima casa” dell’utilizzatore; fornire un ulteriore incentivo alle compravendite immobiliari con l’introduzione nell’ordinamento una nuova formula contrattuale che va ad aggiungersi a quella del “rent to buy” che, ad oggi (numeri alla mano), non ha ancora determinato gli effetti sperati.
È ragionevole ritenere, in tal senso, che le modifiche introdotte dalla Legge di stabilità 2016 portino anche ad una graduale riduzione dei tassi medi praticati dalle società di leasing, spingendo così gli operatori ver- so un maggior ricorso a quest’ultima forma di finanziamento. A tal fine sarà tuttavia necessario verificare come le novità saranno “recepite” dal mercato e come si configureranno le soluzioni in concreto.
Vediamo ora più in dettaglio le linee direttrici attraverso le quali si articola il provvedimento normativo in esame. La prima linea di intervento è rappresentata dall’introduzione di una nuova detrazione IRPEF – in favore dei contribuenti con un reddito complessivo non superiore a 55.000 euro – pari al 19% delle spese sostenute per i canoni derivanti da contratto di locazione finanziaria su unità immobiliari da adibire ad abitazione principale entro un anno dalla consegna.
Sotto il profilo civilistico, la norma introduce alcune novità finalizzate a risolvere i principali elementi di criticità derivanti dall’utilizzo del leasing immobiliare. Le modifiche determinano che:
l’acquisto dell’abitazione da parte della società di leasing sia protetto dalla revocatoria fallimentare che sarebbe proponibile dalla procedura concorsuale in cui dovesse eventualmente incorrere il “fornitore” dell’immobile;
qualora durante la locazione il contratto si risolva per effetto di inadempimento del conduttore, la banca (o la società di leasing) concedente possano avvalersi della procedura di sfratto per ottenere il rilascio dell’immobile;
laddove il concedente abbia rivenduto l’immobile a seguito di risoluzione del contratto di leasing, all’ex utilizzatore andrà comunque restituito il prezzo ricavato dalla vendita, dedotti sia l’importo dei canoni scaduti e non pagati fino alla data della risoluzione del contratto, sia l’ammontare dei canoni a scadere attualizzati, sia l’importo del prezzo pattuito per l’esercizio dell’opzione finale di riscatto. L’eventuale differenza negativa dovrà essere corrisposta dall’ex utilizzatore alla società di leasing.