Petrolio, Descalzi: prezzo potrebbe stabilizzarsi tra 65 e 70 dlr/barile

L’amministratore delegato di Eni  Descalzi  ritiene che, se verrano rispettate le promesse di un aumento della produzione da parte dei paesi Opec e dei loro alleati, il prezzo del greggio possa stabilizzarsi tra i 65 e i 70 dollari al barile, anche se le tensioni geopolitiche potrebbero spingere le quotazioni al rialzo.
“Settanta dollari o un po’ sopra penso sia un prezzo che vada bene sia per il produttore che per il consumatore”, ha detto Descalzi, a margine della presentazione di un accordo tra Eni e il Politecnico di Milano. “In questo momento la previsione è sulla crescita, ma non è detto, perché dipende da quanto Arabia Saudita e Russia riusciranno a giocare sulla ‘spare capacity’. E’ chiaro che se riuscissero a rispettare il milione (dell’aumento di barili, ndr) che hanno promesso, il prezzo potrebbe stabilizzarsi tra i 65 e i 70 dollari”.