Malasanità a Brescia,neonato ucciso da un batterio , indagati tutti i medici

L’equipe medica del reparto di Terapia intensiva neonatale degli “Spedali Civili “di Brescia è stata iscritta nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio colposo per la morte del neonato deceduto a causa del batterio serratia marcescens, contratto in ospedale. Si tratta di «atto dovuto» della Procura di Brescia per permettere ai medici indagati di poter nominare un proprio consulente durante l’autopsia che sarà eseguita domani sul corpo del bambino, nato prematuro a fine giugno.