Il Governatore della Liguria Toti siamo in stato d’emergenza

Quella di Genova è «un’emergenza nazionale». Un mini-consiglio dei ministri, convocato d’urgenza questo pomeriggio nella città ferita, accoglie la richiesta avanzata dal governatore della Liguria Giovani Toti. E mentre il premier Conte e tre ministri (Salvini, Di Maio e Toninelli) si riuniscono in prefettura, si aggiorna di ora in ora il bilancio delle vittime: almeno 39 e 16 feriti (di cui 12 in codice rosso).

La ricerca dei dispersi va avanti, ma gli scavi sono stati interrotti a tarda mattinata per i rischi di nuovi crolli. Il ponte Morandi non c’è più. E in questo assurdo Ferragosto l’Italia è con Genova ma chiede, esige, risposte. «Dopo il dolore servirà un esame severo delle cause”, aveva detto ieri il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il procuratore capo Francesco Cozzi, per ora non ha disposto nessun sequestro e conferma che è stato aperto un fascicolo per disastro e omicidio colposo («Non è stata una fatalità», chiarisce).