La Juve vince ancora: Mandzukic-gol, 1-0 contro l’Inter e nerazzurri a -14 punti

Juventus e ​Inter night all’Allianz Stadium: più di 200 Paesi collegati per il Derby d’Italia, una sfida sentitissima da ambo le parti, una rivalità che va avanti da oltre 50 anni e che si è inasprita ancor di più negli ultimi 12 anni, dopo i fatti di calciopoli. A Torino in campo la prima e la terza forza del campionato. Massimiliano Allegri ha dovuto rinunciare ad Alex Sandro, Barzagli, Kean e Khedira e ha puntato sul consueto 4-3-3 con Cancelo e De Sciglio sulle fasce, Bentancur, recuperato, al centro e con il ‘solito’ tridente, quello formato da Dybala, Ronaldo e Mandzukic. Diverse sorprese nella formazione di Luciano Spalletti. Out Dalbert e Nainggolan infortunati, il tecnico ha puntato su Vrsaljko e Miranda in difesa, Joao Mario e Gagliardini in mezzo al campo e su Politano insieme a Perisic e Icardi in avanti.
Gara frizzante, sin dai primi minuti, che ha vissuto di tanti momenti importanti e che ha visto Juventus e Inter lottare con grande veemenza. Primi minuti di marca nerazzurra, poi la risposta della Juventus ma senza grandi occasioni da gol. Per la prima vera occasione da gol bisogna attendere la mezz’ora quando Politano ha lavorato un buon pallone sulla destra e ha servito Icardi il quale, con un’ottima sponda ha servito Gagliardini che si è presentato a tu per tu con Szczesny colpendo il palo. Inter pericolosa dopo nemmeno un minuto ancora con una bella giocata di Politano ma Perisic e Icardi si sono ostacolati. Poi la risposta della Juve al 38′ con Cancelo che serve l’accorrente Bentancur, che calcia a botta sicura ma Brozovic si immola e salva l’Inter. Dal corner seguente colpo di testa di Chiellini respinto da Handanovic e rovesciata di Ronaldo che non fa male al portiere nerazzurro.
Nella ripresa subito Inter pericoloso dopo un grave errore in disimpegno di Matuidi ma Bonucci salva su Politano. La gara si incattivisce, fioccano i gialli, aumentano i falli e diminuiscono le emozioni ma la Juve, con un vero e proprio lampo, trova il gol del vantaggio al minuto 21: lancio di di Matuidi per Cancelo che arriva sul fondo, crossa sul secondo palo per Mandzukic, che da pochi passi, anticipa Asamoah e di testa porta in vantaggio i suoi. Spalletti manda in campo Borja Valero, Keita e Lautaro Martinez, Allegri risponde con Douglas Costa ed Emre Can (torna in campo dopo oltre un mese dall’operazione per la rimozione del nodulo tiroideo). La Juve controlla il gioco, l’Inter non riesce più a impensierire i bianconeri. La Juve vola: 13 vittorie dopo 14 giornate, Inter a -14.