Manovra, il ministro Grillo: «Nessuna sanatoria per operatori sanitari abusivi»

«Nessuna sanatoria per gli operatori sanitari abusivi». Lo sottolinea in un post il ministro della Salute Giulia Grillo che su Facebook scrive: «Stop alla disinformazione sull’emendamento che salva il posto di lavoro a 20.000 operatori già presenti nelle strutture sanitarie pubbliche e private».
«Il Parlamento – si legge – non ha approvato nessuna sanatoria per abusivi». Anzi, «abbiamo evitato che 20.000 famiglie di lavoratori finissero in mezzo a una strada». Con le misure in manovra, scrive il ministro nel messaggio «Si dà la possibilità di continuare a esercitare a lavoratori con titoli validi fino all’approvazione della legge 3/2018 inserendoli in elenchi speciali. Non sarà un via libera per tutti, ma solo per chi dimostrerà di avere i titoli e di aver lavorato per almeno 36 mesi in 10 anni». E ancora: «Non si toglie nulla a chi è iscritto agli albi delle professioni sanitarie e non si creano equipollenze, non creiamo abusivi e finalmente si mette fine al caos prodotto da una giungla di corsi regionali che negli anni hanno creato situazioni incontrollabili». «Abbiamo evitato – conclude poi il ministro – che 20.000 famiglie di lavoratori finissero in mezzo a una strada. Questa è la realtà, tutto il resto è disinformazione».