In mutua per coprire la sospensione della patente: così Ousseynou Sy guidava il bus di studenti

Era stato condannato in via definitiva nell’ottobre del 2018 a un anno con la sospensione condizionale della pena per avere molestato una diciassettenne, Oussenyou Sy, l’autista di 47 anni che ieri ha tentato una strage dando fuoco al pullman che guidava, con una scolaresca di Crema a bordo. La vicenda risale al 2010, la pena è stata comminata in base all’articolo 609 del Codice penale, per «fatti di minore gravità». L’azienda Autoguidovie per cui lavorava da 15 anni, prima come addetto alle pulizie poi, in considerazione del suo buon comportamento come conducente di mezzi non avrebbe saputo nulla perché scattano comunicazioni obbligatorie ai datori di lavoro solo quando riguardano pubblici ufficiali. A questo si aggiunge una condanna per guida in stato di ebbrezza a Brescia nel 2007 che gli sarebbe costata la sospensione a tempo della patente. L’uomo ha coperto i «periodi in cui non ha lavorato mettendosi in malattia», riuscendo anche in cui caso a fare in modo che la Autoguidovie non lo scoprisse. Gli inquirenti stanno cercando di acquisire il video-manifesto postato dall’uomo sul suo canale privato di una piattaforma web e inviato ai suoi conoscenti in Italia e in Senegal. Nel filmato spiegava le ragioni del suo «gesto eclatante» contro le politiche migratorie italiane. Del video ha parlato lo stesso Sy nel corso dell’interrogatorio davanti ai pm ieri sera. È stato sequestrato a casa dell’autista del materiale informatico: documenti e file saranno analizzati nei prossimi giorni per chiarire se l’uomo abbia consultato dei siti per organizzare il piano sventato dai carabinieri. Sotto la lente della procura, ad occuparsi dell’inchiesta sono i pm Alberto Nobili e Luca Poniz, anche i contatti dell’uomo.Proseguirà in giornata l’audizione dei 51 ragazzini che, con l’aiuto dei militari, si sono riusciti a mettere in salvo mentre l’autobus bruciava. Verranno anche ascoltati gli accompagnatori che, costretti dal 47enne a legare gli alunni con delle fascette elettriche per immobilizzarsi, lo hanno fatto in modo blando permettendo a qualcuno di prendere il cellulare e lanciare l’allarme. La richiesta di convalida per Ousseynou Sy verrà avanzata nelle prossime ore, lui potrebbe essere ascoltato dal gip già domani o nel fine settimana.
Gli inquirenti dovrebbero inoltrare già oggi al gip la richiesta di convalida dell’arresto con le accuse di strage, sequestro di persona, incendio e resistenza e poi l’ interrogatorio di garanzia davanti al giudice potrebbe tenersi già domani. Ieri, davanti ai pm, l’uomo ha sostenuto che voleva arrivare fino a Linate col bus per poi scappare con un aereo verso il Senegal, ma con sé non aveva nulla, men che meno un biglietto aereo.