Salvini ha sfidato la Commissione Ue sui conti dell’Italia

Matteo Salvini sfida la Commissione Ue dopo che Bruxelles aveva chiesto all’Italia di render conto delle misure in programma per contenere le spese. “Non sono assolutamente preoccupato delle reazioni di Bruxelles; anzi, se riusciremo a convincere abbassare le tasse, grazie al voto degli italiani, formeremo un Paese assolutamente stabile ed uno dei primi al mondo in cui investire” ha detto il vicepremier e leader della Lega. “La prossima settimana userò il consenso che voi mi avete dato non per chiedere una poltrona in piu’ in Italia, chi se ne frega, ma per dire a Bruxelles: lasciateci lavorare come gli italiani ci chiedono, ‘meno tasse e più lavoro’. Se ci diranno ‘no’ vedremo chi avrà la testa pù dura”.Il M5s incassa la cancellazione, nella lettera inviata dall’Italia, di ogni riferimento ai tagli per la spesa sociale. “Oggi la giornata comincia bene. Nella lettera scritta dal Mef all’Europa e’ stato cancellato il passaggio che prevedeva tagli alla spesa sociale, vale a dire ai servizi, agli ospedali, tagli al lavoro e a Quota 100. Un altro governo Monti anche no, ne abbiamo avuto abbastanza!” scrive Luigi Di Maio sul blog delle Stelle, insistendo sulla necessità di ridurre la pressione fiscale. “Ringrazio il ministro Tria per aver provveduto a correggere. Del resto non potevamo accettare altre sforbiciate lacrime e sangue. Resta da capire a chi sia venuta in mente questa bizzarra idea circolata nelle bozze e se quel passaggio sia stato concordato, politicamente, con qualcuno. Sicuramente non con il Movimento 5 Stelle”. E annuncia: “Ora ripartiamo e lavoriamo insieme. L’unica cosa da tagliare sono le tasse ai cittadini. Il nostro obiettivo è continuare a portare a casa risultati concreti per gli italiani. E lo faremo”.