Università: master a Napoli, teatro come forma di umanesimo

Al Suor Orsola Benincasa fino al 9 marzo possibile iscriversi

NAPOLI, 25 FEB – Un master universitario del tutto particolare, dove teatro, conoscenza di sé e degli altri, laboratori, analisi culturale si fondono in un’unica logica, quella della formazione sul campo. E’ soprattutto questo il Master di specializzazione biennale e annuale in “Teatro, pedagogia e didattica. Metodi tecniche e pratiche delle arti sceniche-Tdp” dell’università Suor Orsola Benincasa di Napoli che prende il via sabato 7 marzo nel Teatro Mercadante, teatro Stabile della città.
    “Di natura transdisciplinare, è unico nel suo genere e punta alla formazione teatrale come esplorazione del sé e dell’altro, come viaggio verso e nell’alterità, come esperienza intensificata della percezione, ri-posizionando il corpo e l’azione al centro della relazione e della cognizione” spiega l’ideatrice e la coordinatrice artistico-scientifica, Nadia Carlomagno, attrice e professore di Pedagogia sperimentale al Suor Orsola Benincasa. Saranno il prof. Pier Cesare Rivoltella, ordinario dell’Università Cattolica di Milano e il coreografo Alexandre Roccoli, già componente attivo del Théâtre du Soleil, a inaugurare il master. Il master riapre il bando ancora per pochi posti disponibili, è a numero chiuso, ed è possibile presentare la domanda fino al 9 marzo (www.unisob.na.it/masterteatro). Si rivolge a laureati e diplomati (in questo caso come percorso di Perfezionamento Professionale) di ogni disciplina e a professionisti di settori diversi. Il percorso formativo, dal valore di 60 o 120 CFU (di cui i 24 CFU utili nei concorsi pubblici), prevede stage e formazione on the job in centri di produzione teatrale e al Napoli Teatro festival con cui è attiva una collaborazione anche di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *