Provveditorato regionale: “detenuto Secondigliano già senza febbre”

(v.”Coronavirus: ‘aiuto è in carcere’, protesta…” delle 15:44)

NAPOLI, 5 APR – “La direzione del provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria della Campania smentisce le notizie apparse su alcuni quotidiani on line che risultano non veritiere. A Secondigliano si è registrata una sola situazione di un detenuto con febbre alta per il quale è stato attivato il protocollo interno precauzionale”. Lo sottolinea, all’Ansa, il dirigente generale dell’amministrazione penitenziaria della Campania Antonio Fullone. “Lo stesso detenuto già oggi non aveva più la febbre e ha potuto anche contattare la famiglia”, fa sapere Fullone, che aggiunge: “verrà comunque eseguito l’iter previsto a tutela di tutti i detenuti e del personale che vi opera”. “Notizie false e destabilizzanti non giovano ai detenuti già di per sé preoccupati in questo periodo emergenziale, – fa notare Fullone – la direzione pone al primo posto attraverso, numerose azioni, sia la salute della popolazione detenuta che quella del personale penitenziario.
    Inoltre si è in stretto contatto con l’Asl napoletana per ogni emergenza”, conclude Fullone.