A causa del covid perde lavoro e casa

46enne con moglie e bimbo minaccia suicidio nel Napoletano

NAPOLI, 7 APR – Sfrattato dopo avere perso il lavoro a causa del coronavirus: è accaduto ad Afragola, popolosa città in provincia di Napoli, dove un 46enne sposato e con un figlio, è stato messo in strada dopo avere chiesto al proprietario dell’appartamento dove viveva di procrastinare la pigione di qualche mese. “Sono disperato, – dice in lacrime l’uomo – a causa di questo virus non ho piu’ entrate e le mie proprietarie mi hanno detto che devo lasciare casa. Ho una moglie e un bambino di 9 anni, non saprei nemmeno come affrontare lo sfratto. Adesso finiremo sotto i ponti, – aggiunge affranto – e io questo non lo voglio.
    Non sono un fallito e neppure un farabutto, ma queste persone mi hanno trattato come se lo fossi, sono disperato, ho pensato anche al suicidio”. Per aiutare il 46enne sono intervenuti alcuni suoi concittadini i quali hanno cercato invano di convincere le donne a fare un passo indietro. Tutto inutile: deve lasciare casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *