Imprenditore suicida: i familiari al sindaco, era depresso

‘Negli ultimi tempi male si era accentuato,motivi non economici’

CERCOLA (NAPOLI), 6 MAG – Una depressione accentuatasi nell’ultimo periodo: ci sarebbe questo alla base del gesto di A.N., l’imprenditore di 58 anni originario di Cercola (Napoli) che nella serata di ieri si è tolto la vita impiccandosi all’interno del suo capannone alla periferia di San Giovanni a Teduccio, in via Murelle a Pazzigno, vecchia zona industriale a est di Napoli. E’ quanto fanno sapere i familiari dell’uomo attraverso il sindaco del comune alle porte di Napoli, Vincenzo Fiengo, che li ha contattati per esprimere il proprio cordoglio. ”Mi hanno chiesto di far sapere che il suicidio non è legato a motivi economici – ha affermato Fiengo – ma che il loro congiunto soffriva da tempo di una forma depressiva che si è accentuata negli ultimi tempi. Questo non allevia il dolore per la perdita del 58enne, ed alla famiglia va tutta la vicinanza mia e dell’intera cittadinanza di Cercola”.