Da domani partono pagamenti per 20mila

De Luca, si va verso la ripresa con le dovute cautele

NAPOLI, 5 MAG – Prosegue il lavoro dell’Unità di Crisi della Regione per la progressiva riapertura di alcune attività. Per quanto riguarda i pagamenti relativi al Piano Socio Economico della Regione Campania, finora sono state già emessi oltre 4.500 mandati di pagamento (bonus di 2.000 euro) per le micro-imprese, e 2.300 ‘per i professionisti (bonus 1.000 euro). Da domani partono i pagamenti per altri 20.000 lavoratori autonomi/professionisti.
    “Davvero la Campania va verso la ripresa – afferma il Presidente della Campania Vincenzo De Luca – seguendo la nostra linea che ha prodotto risultati importanti. Occorre andare avanti con ordine, riavviare tutte le attività possibili, con la giusta cautela e la responsabilità di tutti, per evitare che si rischi di bloccare tutto tra due settimane”.
    In riscontro alle numerose richieste che pervengono presso gli uffici, sarà attivato un link sul portale istituzionale della Regione Campania per aggiornare tali iniziative.

Addio all’attore Mimmo Sepe

Il cordoglio del sindaco di Napoli, apprezzato artista teatrale

NAPOLI, 5 MAG – E’ scomparso l’attore comico Mimmo Sepe. Aveva 65 anni. Sepe era molto conosciuto e apprezzato nel mondo teatrale e nel 1995 aveva fondato una propria compagnia teatrale ma negli anni ha lavorato anche in televisione e al cinema. A dargli la notorietà al grande pubblico sono state in particolare le sue apparizioni al Seven Show. Nell’arco della sua carriera aveva lavorato con i più grandi della tradizione teatrale napoletana. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha espresso “profondo cordoglio” per la scomparsa dell’attore definendolo “apprezzato artista teatrale e sorridente volto televisivo. Ai suoi cari – ha aggiunto – e a chi lo ha seguito nel suo percorso artistico giunga il cordoglio della città”. Sepe ha iniziato a muovere i primi passi in ambito teatrale nel 1973 a soli 18 anni negli anni ’80 arriva anche il debutto sul grande schermo con ‘No grazie il caffè’ di Lello Arena.
   

Esplosione in fabbrica: un morto e due feriti

Primo bilancio dei carabinieri e del sindaco di Ottaviano

E’ di un morto e due feriti (dei quali uno in gravi condizioni) il bilancio della violenta esplosione avvenuta oggi pomeriggio intorno alle 16 nello stabilimento Adler Plastic di Ottaviano (Napoli), appartenente al colosso del settore di componentistica guidato da Paolo Scudieri. La vittima, il 55enne Vincenzo Lanza, è stato estratto dalle macerie del capannone insieme con suoi due colleghi, uno dei quali è stato anche sottoposto ad un intervento chirurgico nell’ospedale civile di Nola ed è in gravi condizioni (l’altro operaio, con ferite più lievi, è al Cardarelli di Napoli). Vincenzo Lanza, invece, non ce l’ha fatta. A nulla sono valse le manovre di rianimazione praticate sul posto dai sanitari del 118, giunti davanti alla fabbrica dopo i vigili urbani, i carabinieri e la polizia i quali insieme col sindaco Luca Capasso hanno prestato i primi soccorsi e tirato fuori i feriti dalle macerie di uno dei capannoni dello stabilimento sventrato dall’esplosione. Troppo violenta l’esplosione, ed avvertita a diversi chilometri di distanza, così come visibile è stata la nube di fumo nero che si è alzata nel cielo sereno del pomeriggio vesuviano. L’onda d’urto ha mandato in frantumi i vetri di molte abitazioni della zona circostante, ed anche di qualche vetrata del centro del paese. ”Abbiamo sentito un boato – raccontano alcuni residenti – ed i vetri sono andati in frantumi. Una paura indescrivibile. Poi il fumo che proveniva dalla fabbrica, ed abbiamo capito che era successo qualcosa. Speravamo che fosse ancora chiusa. Ed invece ora piangiamo la morte di un nostro concittadino”. La fabbrica era stata riaperta ieri, ed erano una settantina i lavoratori impiegati nello stabilimento per le operazioni di manutenzione. Ancora sconosciute le cause dell’esplosione; secondo le prime voci riferite da qualche dipendente si sarebbe trattato di una bombola di gas ma si lavora per accertare il motivo con precisione. Indaga la Procura di Nola.

Mascherine, dono volontari militari Cri

Napoli, in parte donate dal Rotary,altre acquistate da volontari

NAPOLI, 5 MAG – Centinaia di mascherine, il cui uso in Campania è obbligatorio per il contrasto al contagio da Coronavirus, sono state distribuite dai volontari del Corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana nella zona di piazza del Carmine, a Napoli. Le mascherine sono state date in prevalenza ai senza fissa dimora e a quelle persone che si trovano in una situazione di disagio economico e che non possono provvedere all’acquisto. Parte delle mascherine sono giunte al Naapro di Napoli del Corpo militare volontario della Cri, coordinato dal tenente Raffaele De Rosa, grazie ad una donazione del Rotary Club Campania-Napoli. Un’altra parte, invece, è stata acquistata nei giorni scorsi dagli stessi volontari che hanno poi deciso di distribuirle.
   

Progetto drive in Ippodromo di Agnano

Italstage, schermo led 200mq e posti per 500 tra auto e moto

NAPOLI, 5 MAG – Un led da 200 metri quadrati al centro della pista dell’ippodromo di Agnano, con uno spazio davanti per 500 auto ma anche moto e bici che avranno un loro box con sedie.
    E’ questo il progetto del drive in che potrà ospitare anche teatro e musica che Italstage sta mettendo a punto a Napoli. “Nei prossimi mesi sarà difficile tornare agli eventi di spettacolo – spiega all’ANSA Pasquale Aumenta, patron del’azienda che allestisce palchi per concerti ed eventi in tutta Italia – invece il drive in garantisce la protezione e il distanziamento, ognuno può godersi lo spettacolo in auto”.L’idea è alla fine della fase progettuale che sta per essere sottoposta alle autorità e, spiega Aumenta, “ha avuto l’ok dall’ippodromo di Agnano. Garantirebbe lavoro agli addetti dell’impianto e a tanti delle maestranze del mondo dello spettacolo che sono fermi ora. Ma soprattutto darebbe ai cittadini serate di svago”. Il grande led non impedirebbe le corse dei cavalli che continuerebbero a svolgersi sulla pista.

Campania, controllate oggi 4818 persone

Tutte provenienti da fuori Regione, eseguiti 1018 test rapidi

NAPOLI, 5 MAG – L’Unità di Crisi della Regione Campania rende noto che oggi, nell’ambito dei controlli effettuati nelle stazioni ferroviarie, nei posti di sorveglianza ai caselli autostradali, all’aeroporto di Capodichino, in alcuni luoghi nevralgici del territorio come i terminal bus, sono stati registrati 4818 viaggiatori provenienti da fuori regione. Il numero include anche le registrazioni di rientri con auto a noleggio (98). Le persone controllate sono state sottoposte a misurazione della temperatura. 36 passeggeri avevano una temperatura pari o superiore a 37.5C. Sulla base delle valutazioni mediche, le Asl hanno sottoposto a test rapido ed eventualmente a tampone naso-faringeo, alcuni passeggeri. 1018 viaggiatori sono stati sottoposti a test rapido e 32 sono risultati positivi. Per quanto riguarda i tamponi, oggi ne sono stati effettuati 36, di cui 1 risultato positivo. I tamponi effettuati ieri hanno avuto tutti esito negativo. 147 persone, in aggiunta alle 598 di ieri, hanno comunicato alle Asl l’arrivo.

Napoli, positivo direttore Distretto Asl

Ulteriori sanificazioni programmate in DS 33.Attività proseguono

NAPOLI, 4 MAG – Ulteriori interventi di sanificazione e bonifica saranno effettuati nelle prossime ore nelle aree degli uffici del Distretto Sanitario 33 della Asl Napoli 1 Centro dopo che il tampone al quale si è sottoposto il direttore ha dato esito positivo giovedì scorso. Secondo quanto si è appreso il responsabile della struttura – che ha fatto i test rapidi e poi il tampone la settimana scorsa insieme con tre colleghi, tamponi per questi ultimi poi risultati negativi – da martedì 28 aprile è in isolamento a casa ed è stato provvisoriamente sostituito nella gestione del Distretto di Piazza Nazionale.
    Dalla Asl si sottolinea che le attività si svolgono normalmente e in sicurezza e che le azioni di controllo e sanificazione ambientale rientrano in un’azione più ampia attuata in questo periodo.
    Una fase nella quale sono state effettuate disinfestazioni con l’utilizzazione di ammonio quaternario e sanificazioni straordinarie con nebulizzatori a base di ipoclorito di sodio in tutto gli edifici del Distretto, in particolare nella palazzina che ospita gli uffici, gli ambulatori e la direzione del Distretto stesso ma anche nelle altri sedi.
    Quanto accaduto, si rileva ancora dalle stesse fonti, è la dimostrazione che il virus non colpisce solo operatori sanitari degli ospedali ma anche del territorio.
   

Fase 2, torna il traffico a Napoli

Torna il piacere del caffè del bar, consumato all’esterno

 NAPOLI, 4 MAG – Traffico sostenuto, gente in strada, attese alle fermate dei bus, il piacere ritrovato del caffè del bar sia pure consumato all’esterno del locale. La ‘ripartenza’ a Napoli non ha visto orari sfalsati nè movimenti differenziati.
    Oggi non è sembrato di essere ancora nel pieno di un’emergenza ma una giornata come una di quelle pre lockdown. L’unica differenza l’hanno fatta le mascherine indossate in strada dalle persone sia a piedi, che sui mezzi pubblici che in auto. E probabilmente non c’è stato caos perchè le scuole e le Università sono rimaste chiuse. Dalla Regione Campania è comunque arrivato un contributo per cercare di evitare affollamenti. L’ingresso negli uffici regionali è stato infatti regolato dall’ordine alfabetico del cognome dei dipendenti entrati secondo fasce orarie diverse.
   

Protesta esercenti su lungomare Napoli

Intervengono Cc per imporre il distanziamento

NAPOLI 4 MAG – Circa trecento esercenti napoletani, in particolare titolari di bar, ristoranti, centri estetici, palestre, hanno manifestato nel pomeriggio sul lungomare di Napoli contro le politiche del governo per l’emergenza covid.
    La manifestazione ha raccolto una folla di operatori e dopo circa mezz’ora sono intervenuti i carabinieri che hanno imposto il distanziamento sociale e fatto sciogliere il sit-in. Una delegazione dei manifestanti si è diretta poi in Prefettura per portare all’attenzione dell’ufficio di governo le ragioni della protesta.
   

Covid, 20 positivi su 2.525 tamponi

Totale complessivo contagi in regione arriva a 4.518

NAPOLI, 4 MAG – Venti positivi al coronavirus su 2.525 tamponi eseguiti oggi in Campania: è il dato della giornata diffuso dall’Unità di crisi. Il totale complessivo dei contagiati in Campania dall’inizio dell’epidemia arriva così a 4.518 su 93.068 tamponi effettuati.