Camorra: senatore Cesaro indagato, tre fratelli arrestati

Maxi blitz DDA-ROS nel Napoletano, 59 arresti e sequestro 80 mln

NAPOLI, 9 GIU – Figura anche il senatore di Forza Italia Luigi Cesaro e i suoi tre fratelli tra le persone indagate nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Napoli sui presunti intrecci tra camorra e politica a Sant’Antimo, in provincia di Napoli. Per i tre fratelli del parlamentare il gip di Napoli Maria Luisa Miranda ha firmato altrettante misure cautelari: nei confronti di Antimo Cesaro è stato disposto il carcere, domiciliari invece gli altri due fratelli, Aniello e Raffaele.
    La maxi operazione del ROS e della DDA, 59 misure cautelari eseguite stamattina dai militari dell’arma, riguarda tra gli altri i clan “Puca”, “Verde” e “Ranucci” attivi a Sant’Antimo (Napoli) e nei comuni limitrofi. L’inchiesta avrebbe fatto luce – secondo gli investigatori – su una fitta rete di ‘cointeressenze’ sia in ambito politico sia imprenditoriale.
    Contestualmente è in fase di notifica anche un sequestro di beni per un valore di oltre 80 milioni di euro, tra cui la Galleria Commerciale “Il Molino”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *