MANN:Giulierini, nel ’21 un museo come non l’avete mai visto

Archeologico Napoli, 3000 mq in più, atrio con ingresso libero

NAPOLI, 29 OTT – Musei oltre l’emergenza Covid: definisce il 2021 ‘un anno strategico’ il direttore del Museo Archeologico di Napoli, Paolo Giulierini, presentando online, nelle sale attraversate da pochi visitatori (lo scorso anno furono circa 700mila), il MANN che guarda al futuro. ”Lo annunciamo – spiega – in giorni difficili, che ci chiamano alla testimonianza come presidi culturali e al massimo impegno verso gli obiettivi che ci siamo dati. Avremo tra un anno un museo mai così fruibile, vasto e stupefacente nei suoi immensi giacimenti di capolavori, mai così aperto alla città’.
    Prima novità, l’ accoglienza ‘gratuita’. ”Dalla prossima primavera l’ atrio avrà ingresso libero, e sarà gratuito anche l’accesso al giardino storico della Vanella” anticipa Giulierini. Tremila saranno i mq della nuova area espositiva. In estate, nell’ala occidentale, riapriranno le splendide sale invisibili da mezzo secolo dove torneranno i capolavori della Campania Romana. ”In autunno con il raddoppio delle sezioni pompeiane, il MANN potrà orgogliosamente definirsi il più importante museo archeologico al mondo per l’arte classica. In questi ultimi mesi – spiega Giulierini, al suo secondo mandato alla guida del museo autonomo – la pandemia ci ha fatto riconsiderare la struttura stessa del piano strategico 2020/2023. Resta comunque salda la rotta: consegneremo alla città di Napoli il suo museo completamente riaperto, epicentro di un ‘Quartiere della Cultura’ pronto ad accogliere nuovamente il mondo”.
    Il Piano Strategico 2020/2023 è curato da Ludovico Solima (professore di Management per le imprese culturali dell’ Università della Campania Vanvitelli) ed edito da Electa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *