Covid: Napoli, in flessione omicidi mafiosi, rapine e furti

PG Riello: “ma anche meno denunce”. Cresciuti reati informatici

“Se guardiamo alle statistiche – ha detto Riello, rivolgendosi ai giornalisti collegati on-line – registriamo flessioni significative in tutto il distretto, in alcuni casi addirittura confortanti. Per esempio – ha spiegato il procuratore generale – tra Napoli e provincia c’è stata una riduzione degli omicidi mafiosi (da 11 a 4), così come sono calati i furti (-25%), i tentativi di omicidio (-27%) e le rapine (-25%). Il solo dato in aumento si riferisce ai reati informatici”.
    “Ma dietro i numeri, – ha sottolineato – che parlano un linguaggio crudo, si nasconde un’altra realtà. Ne sono un esempio le violenze domestiche che, a causa della convivenza, secondo le notizie diffuse durante il periodo pandemico, sembravano in aumento. Invece le statistiche smentiscono questa tendenza, perché molte violenze domestiche, come anche gli episodi di usura ed estorsione, non sono stati denunciati. E’ per questo che è necessario guardare oltre i numeri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *