Covid: Campania, incidenza positivi all’11%

I nuovi contagi sono 747, di cui 78 sintomatici

NAPOLI, 04 GEN – E’ dell’11,07% il rapporto positivi-tamponi nel bollettino odierno dell’Unità di crisi, in risalita rispetto al 9,65 di ieri ma lontano dal 12,21% di due giorni fa. Oscillazioni probabilmente legate anche al ridotto numero di test eseguito nel periodo postfestivo.

I nuovi contagi sono comunque 747, di cui 78 sintomatici, su 6.743 test processati. Si registrano 31 vittime, di cui 7 decedute nelle ultime 48 ore e 24 risalenti ai giorni precedenti; ben 1.044 i guariti. Respirano le terapie intensive (96 i posti occupati, due in meno di ieri) mentre crescono i posti letto di degenza occupati, 1.377 (+ 15 rispetto a ieri).

Covid:Campania;si arresta nuovamente la crescita dei contagi

Rapporto al 9,65% rispetto al 12,21% precedente. I morti sono 18

NAPOLI, 03 GEN – Si arresta nuovamente la crescita della curva dei contagi in Campania: il rapporto positivi-tamponi nelle ultime 24 ore scende al 9,65%% rispetto al 12,21% precedente. I positivi del giorno sono 619 (47 sintomatici) su 6.411 test.

I deceduti sono 18 (di cui 7 nelle ultime 48 ore) mentre i guariti sono 791.
    Si allenta leggermente la pressione sulle terapie intensive (98 i posti occupati su una disponibilità di 656). Il bollettino dell’Unità di crisi segnala che sono 1.362 i posti letto di degenza ordinaria occupati su una disponibilità di 3.160.

Di Francesco: il Cagliari peggiore?No,è stato miglior Napoli

‘Le assenze ci hanno penalizzato,peccato avevamo anche rimediato

03 GEN – Seconda sconfitta di fila per il Cagliari. E l’allenatore Eusebio Di Francesco non cerca attenuanti.

“Il Napoli ci è stato superiore – dice – siamo stati bravi a rientrare in partita, ma poi siamo mancati in fase difensiva, ma non nella linea di retroguardia, ma a livello di squadra. Facile sparare contro il Cagliari, ma anche gli episodi non ci hanno favorito: a livello psicologico il gol dell’1-2 ha fatto la differenza. E poi in dieci uomini, con un Napoli pieno di palleggiatori, è andata come è andata. Non dimentichiamoci che abbiamo problemi di organico e poche possibilità di scelta”.
    Ora la situazione del Cagliari si è fatta pericolosa. “Chi pensava di essere al sicuro si sbagliava di grosso – il commento di Di Francesco -: dobbiamo sempre anche guardarci dietro. Oggi è stato il Cagliari peggiore della stagione? No, è stato il Napoli ad essere il migliore della stagione”.

2-0 a Benevento, il Milan resta primo

Vittoria rossoneri in 10, controsorpasso in testa sull’Inter

ROMA, 03 GEN – Il Milan vince 2-0 a Benevento e conserva il primo posto in classifica, a 37 punti. Con la vittoria sul Crotone, l’Inter a quota 36 aveva temporaneamente superato al primo posto i rossoneri, che con i gol di Kessie (15′ pt su rigore) e di Leao (4′ st), in 10 contro 11 per l’espulsione di Tonali, hanno vinto a Benevento e ristabilito le distanze.

Napoli: video su Fb; rider picchiato per rubargli motorino

Consigliere regionale: ‘Allertate le forze dell’ordine. Aiutiamo il giovane’

“Ho ricevuto un video sconvolgente su un’aggressione a un rider che sarebbe avvenuta intorno alle 20.30 a Calata Capodichino a Napoli. Un gruppo di delinquenti circonda e picchia il giovane con inaudita violenza per sottrargli lo scooter con il quale sta effettuando le consegne Lo abbiamo subito girato alle forze dell’ordine. Al giovane diciamo di farsi avanti, anche in forma anonima, perché lo vogliamo aiutare. Chi è vittima di una tale barbarie va aiutato dalla parte sana della città”. E’ quanto fa sapere il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, a cui è stato inviato il video pubblicato su Fb. “Ci aspettiamo – aggiunge il consigliere regionale – che i delinquenti vengano identificati e arrestati”. Secondo Borrelli “è incredibile quanto avvenuto: è come andare a rubare i soldi dell’elemosina in una chiesa; una violenza morale e fisica quella di sottrarre l’unico mezzo di sostentamento ad un povero lavoratore precario impegnato per quattro spiccioli per ore e ore”. L’esponente politico – che sollecita “un forte impegno da parte degli investigatori” – si chiede come sia possibile che “ancora oggi sfilino in città 6 delinquenti senza casco su due motorini con tutti i controlli che ci sono per il rispetto delle norme anticovid”. “E’ assurdo. Ora basta. In questa città la proclamazione della legalità non può essere solo un esercizio verbale” conclude Borrelli.

Gattuso, ora avanti così, senza guardare classifica

‘Osimhen? Sa di aver sbagliato e ha già chiesto scusa’

03 GEN – “Non guardiamo la classifica, ma andiamo avanti partita dopo partita”. Rino Gattuso si gode in Sardegna forse il più bel Napoli della stagione, sicuramente il migliore in questo periodo.

“È una squadra che ha tanti pregi e tanti difetti- dice il tdecnico degli azzurri -. Siamo bravi tecnicamente, serve un po’ di cattiveria in più. Cerchiamo sempre il palleggio ma dobbiamo avere continuità. Bravi i miei oggi a rimettere in piedi la partita dopo un gol come quello che abbiamo subito. Non possiamo sempre giocare di fioretto, possiamo crescere in mentalità e continuità”.
    Una battuta sul caso Osimhen: “Il ragazzo ha commesso un errore – sottolinea Gattuso – e ha già chiesto scusa. È un ragazzo che si fa voler bene, un patrimonio del club, però ha sbagliato e pagherà”. 

Covid:in 24 a fare scommesse, chiusa attività nel Napoletano

Controlli Cc, multe anche per spostamenti tra Comuni

BOSCOREALE, 04 GEN – Quando i carabinieri sono arrivati, all’interno della sala slot sono state trovate 24 persone assembrate e impegnate a scommettere su eventi sportivi, in barba ai divieti imposti dalle norme anticovid. Per questo motivo a Boscoreale (Napoli) i militari dell’Arma, intervenuti in via Cirillo, hanno sanzionato il titolare e disposto la chiusura temporanea dell’attività.


    È uno degli interventi effettuati durante una serie di controlli eseguiti dai carabinieri della compagnia di Torre Annunziata, su disposizione del comando provinciale di Napoli, e che hanno riguardato in particolare le città di Pompei, Poggiomarino e Torre Annunziata. In tutto sono state 77 le persone identificate e 27 quelle sanzionate per violazioni alla restrizioni anti-contagio. Molte sono state fermate nel corso di spostamenti tra comuni diversi, in assenza di comprovati motivi; altre invece erano sprovviste di dispositivi di protezione individuali o sono state trovate all’interno di attività commerciali mentre consumavano alimenti e bevande

Meridbulloni: domani il tavolo al Mise

C.Stabia con gli operai. Oggi preghiera con il parroco del rione

CASTELLAMMARE DI STABIA, 01 GEN – Gli operai della “Meridbulloni” di Castellammare di Stabia (Napoli) hanno trascorso anche la notte di San Silvestro davanti ai cancelli della fabbrica che ha annunciato il trasferimento della produzione a Torino dal 1 febbraio.
    Domani mattina il Gruppo Fontana dovrà confrontarsi al Ministero dello Sviluppo economico.I sindacati chiedono perché l ‘azienda – in vista di una prevista riduzione di produttività fino al 35%, fornita a giustificazione della delocalizzazione dello stabilimento – non abbia chiesto prima gli ammortizzatori sociali che possono essere attivati per non smembrare le famiglie degli 81 operai (più una ventina dell’ indotto), e tentare di mantenere in Campania la produzione dei bulloni per automotive.


    Stamattina gli operai della Meridbulloni hanno pregato davanti ai cancelli della fabbrica insieme con il parroco del rione, don Gennaro Giordano. Nella notte di San Silvestro, 10 pattuglie dei vigili urbani hanno reso omaggio alle maestranze con i lampeggiatori e le sirene accese. intanto tutta la città continua a esprimere solidarietà ai lavoratori con dolci e viveri.

Botti: ferita nel Napoletano, non proiettile ma scheggia

Corpo metallico di 17 mm penetrato tra naso e fronte

NAPOLI, 01 GEN – E’ stata ferita alla testa, durante i festeggiamenti di San Silvestro, da un corpo metallico che le si è conficcato tra fronte e naso: in un primo momento si era pensato a un proiettile vagante, ma i successivi accertamenti fanno pensare piuttosto a una scheggia, frutto dell’ esplosione di un botto.
    La donna di 52 anni, ferita a Mugnano (Napoli), è stata prima medicata all’ospedale di Giugliano e poi trasferita al Cardarelli.

Dalla radiografia emerge che la scheggia conficcatasi nel naso è lunga 17 millimetri, dimensione eccessiva per un colpo d’arma da fuoco: comunque avrebbe potuto provocare conseguenze molto gravi se fosse penetrata in un altro punto della testa.
    La donna, secondo quanto ricostruito dai carabinieri della locale stazione, è stata raggiunta dalla scheggia mentre si trovava in strada per depositare la spazzatura. Il corpo metallico verrà successivamente estratto con un intervento chirurgico.

Botti: cinque feriti a Napoli, tre in provincia

Un 16enne di Solofra (Av) rischia di perdere un occhio

NAPOLI, 01 GEN – Degli otto ferimenti nella notte dei botti nell’area partenopea, cinque (non tre, come si era appreso in precedenza) si sono verificati nel capoluogo e tre in provincia. Al Cardarelli è stato ricoverato un extracomunitario privo di documenti di identificazione che rischia di perdere una mano.

Nell’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli è giunto invece un sedicenne rimasto ferito in modo grave a Solofra (Avellino) mentre stava facendo esplodere botti sul balcone di casa: rischia gravi conseguenze alla mano destra e all’occhio destro.
    Nello stesso ospedale, specializzato in chirurgia degli arti superiori, è ricoverato anche un 57enne napoletano che ha riportato lo spappolamento di una mano.