Dad come occasione, via rassegna con scrittori e ricercatori

A Napoli parte all’IISS ‘Leonardo da Vinci’ serie di incontri

 NAPOLI, 25 FEB – Trasformare la Didattica a distanza da scelta obbligata imposta dalla pandemia in momento di arricchimento culturale a largo spettro al di là delle ‘lezioni’: è l’obiettivo che si è posto a Napoli l’IISS ‘Leonardo da Vinci’. L’istituto ha varato il progetto ‘Gli Eventi di Leonardo’, rassegna multidisciplinare con cui la scuola si è aperta al territorio “in modo controllato e tecnologico, creando sinergie tra i ragazzi e i circuiti culturali e tecnici” come sottolineano i promotori. La cultura, dunque, non si ferma ma è dibattito aperto sul come la Dad condiziona la conoscenza e la socializzazione nei ragazzi.
    “Riteniamo che, aldilà delle pur oggettive difficoltà relative ai problemi di connessione, l’Iiss Leonardo da Vinci abbia saputo reinterpretare questa nuova modalità didattica” affermano all’Istituto.
    Gli eventi sono stati organizzati in streaming con personaggi di spessore culturale e scientifico per avvicinare i ragazzi alla realtà esterna che al momento per loro è negata. A dare il via alla rassegna sarà lo scrittore-attore Sasà Striano con il suo libro “La tempesta di Sasà”, che ha avuto successo come lettura tra tutte le classi della scuola. L’incontro si terrà in streaming domani, venerdì 26 febbraio. Seguirà a marzo, durante la settimana della legalità, l’incontro con il magistrato Catello Maresca dal titolo ” Legalità un investimento per Napoli, l’Italia e l’Europa”. Ad aprile sarà la volta dell’ing.
    Andrea Prota, specializzato in ingegneria dei materiali; seguirà il dottor Claudio Bortolin, ricercatore del CERN di Ginevra, che racconterà di un mondo, quello della ricerca, poco noto ai ragazzi. Infine la rassegna si concluderà con “Le verità nascoste- 1861” di Pino Aprile, meridionalista e storico.
    “In un momento storico difficile come questo pandemico, il pensiero di essere sostenuti dalla cultura è un sollievo per la mente e anche per l’anima” concludono gli organizzatori della rassegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *