Covid: corteo ambulanti su A1, furgoni a passo d’uomo

“Nulla è cambiato”. Traffico paralizzato tra Caserta e Napoli

CASERTA, 13 APR – Una settimana dopo la protesta che ha paralizzato l’autostrada A1 tra Caserta e Napoli, creando tanti disagi agli automobilisti, i venditori ambulanti aderenti alla sigla dell’Ana-Ugl tornano a protestare con un lungo e lento “serpentone” di auto e furgoni che da Caserta Sud è risalito verso nord, per poi imboccare l’uscita di Santa Maria Capua Vetere. Altri ambulanti sono partiti dal Napoletano e dal Salernitano, andando a velocità ridotta sulla Caserta-Salerno, da Palma Campania verso Caserta. La protesta si è conclusa nel primo pomeriggio. Peppe Magliocca, presidente dell’Ana-Ugl di Caserta che già una settimana fa era stato tra i promotori della plateale protesta, spiega che “dopo una settimana ancora nulla è cambiato. Certo, la prossima settimana riapriremo, visto che la Campania dovrebbe diventare zona arancione; ma noi chiediamo che venga modificato l’articolo del decreto legge che impone, in zona rossa, la chiusura di fiere e mercati con l’accezione degli ambulanti che vendono generi alimentari”. Già ieri gli ambulanti dell’Ana-Ugl aveva protestato davanti alla prefettura di Caserta, come fatto peraltro dai loro colleghi aderenti a Confesercenti nei giorni scorsi, ma dal Ministero per lo Sviluppo Economico (Mise) non è ancora arrivata alcuna convocazione. “Siamo stremati e sul lastrico, il Governo deve ascoltarci” conclude Magliocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *