De Luca, Paese stremato ma controlli perché rischiamo estate

Decine di migliaia di agenti forze ordine per controllare movida

NAPOLI, 25 APR – “C’è preoccupazione ma ritengo che siamo entrati nella seconda fase del covid, a differenza di un anno fa ci sono i vaccini e poi il Paese stremato, non regge più”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca a Fabio Fazio a “Che tempo che fa”.


    “Resta il problema – ha proseguito – che non abbiamo quantitativi di vaccino sufficienti, puoi aprire con un rischio calcolato ma devi avere vaccini sufficienti, altrimenti corriamo il rischio grande di giocarci l’estate. E poi manca un piano specifico di controllo del territorio delle forze dell’ordine, tutti sono in giro per strada si dovrebbero multare quelli senza mascherina, contrastare gli assembramenti e applicare misure penali. Ci vuole l’impegno di decine di migliaia di donne e uomini delle forze dell’ordine. Penso al ristorante, il problema non è quello, si può cenare fino alle 23 secondo me, ma la movida sono le decine di migliaia di giovani che vanno in giro in maniera incontrollata”.