24enne morta a Pompei, indagini non escludono alcuna pista

Caduta dal IV piano,ferite all’addome e segni di possibili abusi

 NAPOLI, 29 APR – Sono in pieno svolgimento e per ora non escludono alcuna pista le indagini sulla morte di Grazia Severino, 24 anni, studentessa universitaria di Pompei deceduta per gravi ferite d’arma da taglio all’addome e sul cui corpo sono state trovate tracce riconducibili a una aggressione di tipo sessuale. La giovane è stata soccorsa nell’area box auto di un condominio di via Carlo Alberto, prima traversa, ma viveva ad alcune centinaia di metri di distanza, in via Plinio, ai confini con Torre Annunziata.

La frattura di entrambe le caviglie, riscontrata dai medici, sarebbe dovuta ad una caduta dal quarto piano dello stabile dove poi il corpo è stato trovato. Le indagini dei carabinieri sono coordinate dalla procura di Torre Annunziata, pm Antonio Barba.