Sud: Manfredi, Pnrr atti concreti con sinergia non polemiche

Mezzogiorno struttura ammnistrativa ai minimi termini in Comuni

NAPOLI, 31 MAG – “Dobbiamo essere capaci di lavorare sulle risorse del Pnrr e riuscire a fare un’azione integrata. Il Pnrr ci mostra un pezzo dell’investimento di questi anni, a cui vanno aggiunti i fondi del bilancio, quelli per il Mezzogiorno di sviluppo e coesione e i fondi delle singole regioni.

Ci serve quindi una sinergia istituzionale e un lavoro integrato mai avvenuto prima”. Lo ha detto Gaetano Manfredi, ex ministro dell’Università e candidato a sindaco di Napoli per il centrosinistra e il M5S intervenendo al forum online “NextGenerationSud – La ripresa per il futuro della Campania”, organizzato dall’Arci a Napoli. “Dobbiamo essere in grado – ha aggiunto – di fare nei fatti quello che diciamo, soprattutto nel Mezzogiorno che ha una struttura ammnistrativa ai minimi termini, una capacità dei Comuni di dare risposte ai cittadini e realizzare investimenti estremamente bassa. Napoli è la punta di un iceberg diffuso in molte parti d’Italia e in tutto il sud Italia”.
    “L’Italia è fatta di conflitti – ha spiegato Manfredi – di Regioni che litigano con i Comuni che a loro volta litigano con il governo, la mancanza di sinergia può essere una palla al piede nelle prospettive. Quindi servono istituzioni coese e strutture tecniche che dialoghino e abbiano capacità integrata.
    Noi al Sud abbiamo sempre rivendicato l’attenzione dallo Stato che spesso non c’è stata ma bisogna anche dire che capacità e qualità spesa non è stata spesso all’altezza degli obiettivi prefissi. Serve quindi un pragmatismo superiore di quello messo in campo negli ultimi 10-15 anni in cui il trionfo dei conflitti e della politica ha corrisposto all’assenza di risposte alle persone che hanno bisogno: nella tempesta di parole, chi soffre resta da solo”.