Uccisa dall’ex nel Napoletano, 47enne condannato a 16 anni

Tre anni di libertà vigilata dopo pena. Pm aveva chiesto 20 anni

 NAPOLI, 14 LUG – La Corte di Assise di Napoli (presidente Cristiano) ha condannato a 16 anni di reclusione Vincenzo Garzia, il 47enne di Arzano (Napoli) arrestato dai carabinieri il 15 ottobre 2020 con l’accusa di avere aggredito e picchiato a morte la compagna, Lucia Caiazza, deceduta in ospedale il 14 maggio 2020, diversi giorni dopo le percosse. Il giudice ha deciso anche di concedere a ciascuna figlia una provvisionale di 30mila euro. Infine, Garzia, dopo avere scontato la pena, dovrà essere sottoposto a tre anni di libertà vigilata.
    Il sostituto procuratore di Napoli Nord Barbara Buonanno, che lo scorso 7 luglio, al termine della sua requisitoria, aveva chiesto 20 anni di reclusione, dello scorso 7 luglio, ha contestato a Garzia l’omicidio preterintenzionale aggravato dai futili motivi: la morte di Lucia, che aveva appena 52 anni, secondo quanto è emerso dall’autopsia, è stata determinata dalle botte – subìte senza fiatare – tra le mura di casa, tra il 4 e il 10 maggio 2020, quando il lockdown si stava avviando a conclusione.
    Per le conseguenze di quelle violenze, secondo gli investigatori, Lucia, che non ha mai denunciato l’ex, fu costretta a recarsi in ospedale per forti dolori all’addome. Lì poi, malgrado le cure dei sanitari, morì.
    Presenti, in aula, le due figlie della vittima, Sara e Rosa, rappresentate durante il processo dall’avvocato Sergio Pisani.
    Le due donne, dopo la lettura della sentenza, sono scoppiate in un pianto liberatorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *