Usura: minacce ad imprenditore, tre arresti a Giugliano

Per un debito di 20 anni fa già pagato

NAPOLI, 09 SET – Pretendevano da un imprenditore una somma equivalente a 100 milioni di vecchie lire per un prestito concesso nel 2000 a tassi usurai e gia’ rimborsato.
    Tre persone sono state arrestate a Giugliano (Napoli) dai carabinieri con l’ accusa di tentativo di estorsione aggravato da metodo e finalità mafiose.


    Si tratta di Salvatore Lama, 61 anni, Gianni Maria Lama, 27, e Salvatore Piccolo, 48.
    .Secondo quanto emerso dalle indagini dei militari, i tre avrebbero più volte estorto denaro all’ imprenditore che , nell’ estate 2000 aveva contratto con Salvatore Lama un debito di 50 milioni di vecchie lire, restituendone, con gli interessi, 80 A partire dal 2017, hanno avuto inizio le intimidazioni affinché l’ imprenditore versasse a Lama l’ equivalente di 100 milioni di lire.
    Al rifiuto dell’imprenditore i tre indagati, anche facendo balenare la prossima scarcerazione di esponenti di rilevo del clan camorristico Mallardo gli hanno rivolto continue richieste di denaro con minacce di morte.