Festa in centro igiene mentale, sospesa direttrice

Nel Salernitano, consigliere regionale ‘questione in Giunta’

SALERNO, 30 SET – Le foto e i video circolati sui social della festa organizzata nei giorni scorsi al centro di Salute mentale di Cava de’ Tirreni (Salerno) avevano provocato polemiche e indignazione. Adesso il caso è arrivato anche all’attenzione della Giunta regionale, interpellata dal consigliere di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli.

Non solo, ci sono anche le prime conseguenze: la direttrice del centro di salute mentale di Cava de’ Tirreni è stata sospesa per trenta giorni.
    “Quel che accaduto è molto grave visto che questi luoghi sono stati spesso luoghi in cui si sono creati focolai del virus”, ha sottolineato Borrelli che ha chiesto l’apertura di un’indagine per capire fino in fondo cosa sia accaduto. “Abbiamo portato la questione in Giunta Regionale affinché si interroghi l’Asl di Salerno sulla vicenda chiedendo di aprire un’indagine per ricostruire i fatti e capire se, oltre alla direttrice del centro, vi siano coinvolti altri dirigenti e funzionari contro i quali dovranno essere presi provvedimenti”, ha concluso il rappresentante di Europa Verde.
    I fatti si erano verificati a metà settembre nel centro di salute mentale di Cava de’ Tirreni. A scatenare la bufera una festa, caratterizzata dall’assenza di distanziamento e arricchita dall’esibizione di ballerine brasiliane. La vicenda, dopo le polemiche social, ha avuto anche le prime conseguenze: la direttrice del centro di salute mentale di Cava de’ Tirreni è stata sospesa per trenta giorni. Ma secondo il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli è necessario andare fino in fondo, interrogando anche l’Asl di Salerno per appurare tutte le responsabilità sulla vicenda.