A Mario Martone il Premio BPER del Suor Orsola

Al Master Cinema e televisione una lezione rivolta ai giovani

NAPOLI, 11 NOV – E’ stato assegnato a Mario Martone il Premio BPER Napoli ‘per aver ridisegnato l’identità napoletana attraverso i linguaggi del Teatro e del Cinema’ , seconda edizione del riconoscimento ideato con Università Suor Orsola Benincasa.

La premiazione si è svolta in diretta streaming in occasione della presentazione della settima edizione del Master in Cinema e Televisione diretto da Nicola Giuliano.

‘Lavorare nel cinema è sentirsi parte di un processo collettivo – ha detto Martone nella sua lezione rivolta ai giovani nella quale ha ripercorso la sua carriera dagli anni ’80 ad oggi e la costante collaborazione con le giovani leve negli ultimi progetti – Si ricomincia sempre , vedo tutti questi anni come in flusso, il mio percorso come un arcipelago, tra film, teatro, opere, tutte esperienze che si collegano.
    Ora ad esempio sto preparando l’Otello per il San Carlo con Jonas Kaufmann, il più grande tenore al mondo, e torno con la mente al 1982, ascoltando la stessa musica dell’Otello che feci con Andrea Renzi allora con il volto dipinto di nero”.
    “Sin dal suo esordio alla regia cinematografica con Morte di un matematico napoletano – spiega Arturo Lando, coordinatore scientifico del Master – Mario Martone è stato tra i registi contemporanei che hanno meglio interrogato, sovvertito e riconfigurato le convenzioni cinematografiche come parte di un completo riesame dell’identità napoletana contribuendo in maniera decisiva a trasformare Napoli nel fiorente centro di produzione cinematografica che i numeri odierni ci raccontano.
    Da ultimo aver lanciato e vinto la grande sfida, anche pedagogica, di trasportare sul grande schermo la storia del teatro napoletano da De Filippo a Scarpetta rende Martone uno dei migliori Maestri per i giovani”. Alla premiazione coordinata da Laura Valente, hanno preso parte il Rettore Lucio D’Alessandro, il responsabile dell’area Relazioni esterne di BPER Banca Eugenio Tangerini, il responsabile della sezione Cinema del Master Gianfranco Pannone.
    Martone proprio al Suor Orsola, nel 2013 aveva girato gran parte delle scene napoletane di “Il giovane favoloso”.