Rientrato da Dubai e arrestato al suo arrivo in Italia Raffaele Imperiale

Al suo arrivo a Roma, ufficiali della Squadra mobile di Napoli e del Gico della Guardia di Finanza partenopea, intervenuti con la collaborazione del Sco e del Scico, gli hanno notificato l’ordine di esecuzione della pena detentiva per traffico di stupefacenti

E’rientrato da Dubai ed è stato arrestato al suo arrivo in Italia Raffaele Imperiale, che era stato arrestato nell’agosto scorso negli Emirati Arabi da latitante. 

Il 25 marzo la Direzione centrale anticrimine della Polizia di stato ha comunicato alla Procura di Napoli che Imperiale è rientrato in Italia il 25 marzo con un volo di stato della Presidenza del Consiglio dei ministri proveniente da Dubai. Al suo arrivo a Roma, ufficiali di polizia giudiziaria della Squadra mobile della Questura di Napoli e del Gico della Guardia di Finanza partenopea, intervenuti con la collaborazione del Sco e del Scico, hanno notificato ad Imperiale l’ordine di esecuzione della pena detentiva comminata per traffico di stupefacenti, nonché l’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere emessa, sulla base di successive indagini della Direzione distrettuale antimafia di Napoli in relazione al delitto di associazione mafiosa, dal gip di Napoli.

Nella giornata di sabato, secondo quanto comunicato dalla Procura partenopea, Imperiale è stato sottoposto a interrogatorio di garanzia dal gip.

Una prima richiesta di estradizione era stata respinta dagli Emirati Arabi nel gennaio scorso. 

Imperiale, di origini stabiesi, balzò agli onori delle cronache negli anni scorsi per il ritrovamento in un appartamento di Castellammare di due Van Gogh rubati ad Amsterdam