Musica: ‘Donne – Voce ‘e femmene’ al Trianon di Napoli

14 e 15 aprile, prima assoluta, nove cantanti contro la violenza

NAPOLI, 11 APR – Al Trianon Viviani di Napoli arriva un mondo femminile infinito con “Donne – Voce ‘e femmene”.

Lo spettacolo in prima assoluta con nove cantanti e l’inedita “Io non ci sto” contro la violenza, andrà in scena giovedì 14 e venerdì 15 aprile, ore 21 Otto le artiste impegnate: Maria Boccia, Francesca Curti Giardina, Raffaella De Simone, Mavi, Margherita Marinelli, Teresa Rocco, Sara Russo e Daniela Sponzilli.

Ogni interprete eseguirà un paio di canzoni napoletane, scelte nel repertorio tradizionale e contemporaneo, come L’urdema tarantella di Libero Bovio ed Ernesto Tagliaferri o Vasame di Enzo Gragnaniello.
    ”Lo spettacolo è un viaggio pensato e scritto sulla donna – spiega l’autore e regista Maurizio Palumbo -, in un contrappunto tra canzoni e momenti di riflessione, per ricordare, come affermava Shakespeare, tutte le violenze consumate sulla sua figura, tutte le umiliazioni che ha subìto, lo sfruttamento del suo corpo e la sua intelligenza calpestata nei secoli” Nel finale, tutte le cantanti, con Giusy Soviero, interpreteranno Io non ci sto, una vera e propria denuncia e ribellione alla violenza sulle donne, una canzone inedita con testo di Maurizio Palumbo e musica dello stesso Palumbo con Aniello Misto e Gennaro Franco, che hanno anche curato gli arrangiamenti e la direzione musicale.
    Prodotto da Sud Promotion, con le coreografie di Ettore Squillace, in Donne- Voce ‘e femmene suonano Antonio Mambelli (batteria), Aniello Misto (basso e contrabbasso), Gennaro Franco (pianoforte e tastiere), Sasà Dell’Aversano (chitarre), Anna Rita Di Pace (violino) e Marco Misto (percussioni). I coristi sono Daniele Di Rosa, Denise Corallo, Claudia Mosca e Chiara Quartuccio.
    Direttore della fotografia e luci Gianluca Sacco, ingegnere del suono e fonico Daniele Chessa, direttore di produzione Costantino Petrone, fonico di palco Stefano Cammarota. Service audio e luci Emmedue. Il Trianon Viviani si avvale del sostegno del Programma operativo complementare della Regione Campania, dello sponsorship tecnica di Enel e il patrocinio di Rai Campania.