Christian travolto e ucciso prima di andare in spiaggia, fatale una distrazione del conducente

Il 51enne alla guida dell’auto stava salutando un amico quando ha perso il controllo del veicolo uccidendo il bimbo di tre anni e ferendo la madre

L’incidente che ha stroncato la vita del piccolo Christian, bimbo di soli tre anni, a Cavallleggeri, ha scosso tutto il quartiere. In queste ore gli inquirenti stanno tentando di ricostruire la dinamica degli accadimenti. Gianluca Netti, il 51enne automobilista al volante dell’auto che ha investito il piccolo e la sua mamma, non aveva assunto alcolici o droga prima di mettersi alla guida, come confermato dal test eseguito dalla polizia municipale.

L’incidente

Secondo quanto trapela si sarebbe rivelata fatale una distrazione di pochi secondi da parte del conducente della Suzuki in via Marco Polo per salutare un conoscente. L’auto sbanda, il 51enne accusato di omicidio stradale non riesce a sterzare in tempo e travolge il Christian (che stava per partire per il mare con la mamma) sul marciapiede sbalzandolo contro il muro. Attesa per i risultati della scatola nera installata sulla Suzuki sequestrata che forniranno dettagli importanti sulla velocità in cui viaggiava il mezzo a quattro ruote.