Gli 8 apparecchi che consumano energia anche da spenti

Quanto pesa in bolletta tenere in stand by device ed elettrodomestici

Ci sono elettrodomestici come il frigo, il freezer, la sveglia digitale che è decisamente impossibile non alimentare di continuo. Ma le nostre case come gli uffici sono zeppe di dispositivi elettronici che continuiamo a mantenere collegati alla rete elettrica, e dunque a far consumare, anche se non li utilizziamo ed è assolutamente inutile tenere accesi o in “stand-by”, spesso dimenticando che quando un device è in stand by utilizza comunque energia attraverso alimentatore, display e circuiti vari.

Come capire se un device in stand by consuma energia

Per sapere quali sono gli apparecchi che consumano anche quando sono a riposo è sufficiente verificare se hanno

– un alimentatore esterno,

– un display acceso

– sistema di caricabatterie continuo.

Eccone alcuni

Macchina del caffè

La macchina del caffè in modalità preriscaldamento consuma circa 100 watt/h: quando non fa il caffè, quindi, può arrivare a consumare più di 1 watt all’ora.

Televisore

televisione in stand-by consumano circa 2,26 watt all’ora, quasi la metà quelli con schermo a Led che in un anno pesano circa 3 euro sul totale del consumo di energia elettrica, ma se consideriamo quanti apparecchi ci sono in casa, spegnerli potrebbe avere molto senso

Cellulare

Un telefono cellulare in carica assorbe 5 watt ogni ora. Considerato che pur sapendo che saranno sufficienti un paio di ore, spesso lo colleghiamo alla presa elettrica prima di andare a dormire, significa che continuiamo a consumare inutilmente energia per almeno 4-6 ore, peraltro con l’effetto di usurare la batteria.

Caricabatterie per cellulare

Per praticità o perché le prese non sempre sono in posizioni agevoli da raggiungere, tutti tendiamo a lasciare il caricabatterie inserito all’interno della presa elettrica, convinti che non ci siano sprechi energetici perché lo smartphone non è attaccato: così consumiamo invece 1 Kwh ogni 1000 ore, per un costo di 1,20€  all’anno.

Telefono

Rimanendo nell’ambito dei telefoni, anche i cordless hanno un consumo costante perché anche se l’apparecchio non è in uso o in carica, la base è costantemente collegata alla presa elettrica. Il dispositivo può consumare fino a 2,9 watt/h.

Microonde

Utile in cucina perché riduce i tempi di preparazione rispetto al forno tradizionale, il microonde non dovrebbe mai restare in stand by: infatti è tra gli elettrodomestici che consumano di più: circa 3,08 W, e fino a 25,79 W se lasciamo aperto lo sportellino.

Computer

computer sono tra gli apparecchi da tenere sotto maggiore controllo: il notebook in modalità “dormiente” (si attiva automaticamente sui modelli di ultima generazione, dopo un periodo di inutilizzo) assorbono da 1,5 a 5,5 W; i pc possono arrivare fino a 8,9 w/ora in modalità sleep. Anche da spento, ma collegato alla presa di corrente, il monitor continua a consumare energia, fino a 10W.

Console per videogiochi

La console per i videogioch, se accesa, arriva a consumare fino a 23,3 watt all’ora, spenta ma collegata all’interruttore circa 1 Watt che, pur essendo una spesa minima, alla fine ha il suo impatto sulle bollette e sull’ambiente.

Come limitare i consumi invisibili

Eliminare i consumi invisibili non è difficile: basta staccare la spina e i device smetteranno di essere alimentati con la corrente. Non sempre però, si ha voglia di scollegare i vari apparecchi, quindi una soluzione può essere una presa multipla dotata di interruttore, così da accenderla e spegnerla comodamente.