Bimbo di 11 anni investito: gli organi saranno donati

La madre del piccolo ha autorizzato l’espianto. Il 20enne alla guida sarebbe risultato positivo al test anti-drogra: la Procura indaga per omicidio stradale

Salveranno qualche vita gli organi di Romeo Golia, il bimbo di 11 anni morto dopo essere stato investito a Terracina. La madre del bimbo ne ha autorizzato la donazione. Originario di Napoli, ma residente del Comune laziale, il 6 agosto Romeo stava attraversando la strada sulle strisce pedonali insieme alla madre. Sarebbe stato preso in pieno da un giovane, poco più che ventenne, alla guida della sua vettura, e scaraventato a diversi metri di distanza.

Il ragazzo si sarebbe fermato immediatamente per prestare soccorso, ma anche l’arrivo del 118 e la corsa all’ospedale Bambin Gesù di Roma non sono serviti a nulla. Romeo è deceduto per le lesioni riportate dall’impatto Da quello che si apprende, il guidatore sarebbe risultato positivo al test anti-droga. Se questo elemento venisse confermato, si rafforzerebbe l’ipotesi di reato sulla quale indaga la Procura di Latina: omicidio stradale. I funerali si terranno a Napoli, ma probabilmente bisognerà attendere metà seettimana, quando gli inquirenti restituiranno il corpicino alla famiglia.