Caporalato, venti braccianti in nero scoperti nel Casertano

Blitz task force Ispettorato del Lavoro e Cc: sospese 4 aziende

CASERTA, 11 AGO – Venti braccianti agricoli “in nero”, tutti stranieri, provenienti soprattutto dall’ est Europa e dal nord Africa, sono stati scoperti nelle campagne del Casertano nel corso di controlli effettuati dall’Ispettorato del Lavoro di Caserta e dai carabinieri del Nil (Nucleo Ispettorato del Lavoro) di Caserta; per quattro aziende agricole sono stati emanati provvedimenti di sospensione dell’attività.


    All’operazione ha preso parte una task force composta dal personale dell’ispettorato casertano, che ha coordinato l’attività rientrante nel progetto SU.PR.EME, e dell’ispettorato di Napoli, Sassari, Roma e Salerno.

Nel mirino diciassette aziende agricole situate nei territori dell’agro-aversano, dell’agro-sessano e della zona dei Mazzoni, dove sono presenti soprattutto piantagioni di pomodori, peperoni, melanzane e angurie. Gli ispettori hanno verificato le posizioni di 64 lavoratori scoprendo che 20 non avevano alcun tipo di contratto.
    Dei 64 controllati, 51 erano extracomunitari risultati privi del permesso di soggiorno, e per il loro impiego sono stati denunciati cinque imprenditori, a carico dei quali però sono in corso verifiche per accertare la sussistenza anche del reato di sfruttamento lavorativo. In un campo della zona dei Mazzoni sono stati infatti trovati, intenti a raccogliere angurie, sette lavoratori di nazionalità tunisina privi del permesso di soggiorno; sotto il sole cocente, alcuni lavoravano senza calzature ed è emerso che venivano pagati a cottimo – 7 euro a cassone – e impiegati per 9 ore al giorno senza riposo settimanale. Per tutti i braccianti sono in corso le verifiche anche per la sussistenza di violazioni in materia di orario di lavoro e di sicurezza nei luoghi di lavoro, tra le quali l’omessa consegna dei dispositivi di protezione individuale.