Albergo pagato ma è una truffa: vacanza salvata dalla polizia

E’ accaduto a Ischia, dove 9 turisti hanno scoperto di essere stati raggirati su un social network

Diffidare di offerte troppo vantaggiose. Lo hanno scoperto sulla loro pelle nove ragazzi che sono arrivati a Ischia con la prenotazione di camere d’albergo sul loro smartphone. Purtroppo, giunti sull’isola, hanno capito di essere stati truffati. Come riporta la pagina Facebook della Questura di Napoli, la prenotazione e il relativo pagamento avevano avuto luogo su un social network. Subito il raggiro, i giovani turisti hanno sporto denuncia al commissariato locale. Ed è grazie all’impegno degli agenti, guidati dal vicequestore Ciro Re, che sono riusciti a trovare un’altra sistemazione, a Barano, salvando almeno in parte le vacanze. D’estate il fenomeno degli annunci truffa cresce a livelli esponenziali e serve una dose aggiuntiva di attenzione.