Sesso troppo rumoroso, finito in tribunale

Una barista di 20 anni è stata multata per una vita sessuale troppo focosa e rumorosa. La curiosa vicenda è successa a Pesaro ed è finita in tribunale dopo la denuncia di una vicina di casa stanca dei continui rumori. La donna, una poliziotta, non riusciva a riposare e, dopo anni di litigi, alla fine si è rivolta alla magistratura per porre fine alle notti insonni. L’ennesimo litigio condominiale che ha dato il via a una battaglia giudiziaria. Secondo quanto raccolto da Il Resto del Carlino, la barista, 20enne all’epoca dei fatti, organizzava festini notturni a casa sua a base di musica ad alto volume, schiamazzi ma soprattutto sesso con gemiti che riuscivano a superare anche l’insonorizzazione di muri e pavimenti. Al piano di sotto, un’altra 20enne di professione agente della polizia stradale. E, dopo mesi di battaglia legale, si è arrivati alla sentenza. La barista si è vista condannata al pagamento di una multa da 200 euro. La poliziotta non si era presentata come parte civile e anzi, successivamente aveva anche ritirato la querela. Ora le due non sono più vicine di casa. L’agente ha cambiato sede di lavoro mentre la 20enne “urlatrice” si è trasferita in un’altra città delle Marche.

about author

redattore

mdl@tvdigitale.biz

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *