Sui controlli un fisco spompato

Sugli accertamenti il fisco ha perso potenza. Nell’ultimo decennio la maggiore imposta accertata media degli accertamenti basati su indagini finanziarie si è quasi dimezzata.

Sui controlli un fisco spompato

Se nell’anno 2010 per ogni accertamento di questo tipo l’Agenzia delle entrate recuperava, mediamente, oltre 92mila euro fra imposte dirette, Iva e Irap, nel 2019 tale recupero medio è sceso a quota 56mila euro. Un crollo netto che supera il 40%

Un calo costante dei recuperi medi confermato anche dal dato intermedio relativo all’anno 2015, nel quale la maggiore imposta accertata media si attesta poco sopra i 75 mila euro.

Si tratta di una tendenza che non riguarda soltanto gli accertamenti basati sulle indagini finanziarie – da sempre i più redditizi per il fisco – ma più in generale tutte le attività di controllo fiscale.

Al di là di tale considerazione non vi è dubbio che una tale perdita di efficacia delle attività di accertamento basate sull’utilizzo delle indagini finanziarie lascia piuttosto sorpresi, soprattutto se si pensa che dal 2011 i dati che affluiscono sistematicamente nell’archivio dei rapporti finanziari è stato ulteriormente implementato dal legislatore allo scopo di rendere ancora più efficace e penetrante tale tipologia di accertamenti.

about author

redattore

mdl@tvdigitale.biz

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *