L’uomo delle 78 auto prestate ai pregiudicati: così è stato scoperto

È stato denunciato dalla guardia di finanza di Como un uomo con 78 auto intestate. Originario del comasco, l’indagato, attraverso un’attività commerciale puramente di facciata, faceva da prestanome a numerosi clienti, tra cui pregiudicati e con patente sospesa e/o revocata, che avevano bisogno di veicoli ”puliti” da utilizzare senza essere rintracciabili, evitando così la riconducibilità di beni in caso di eventuali aggressioni patrimoniali e/o atti di pignoramento da parte dell’amministrazione finanziaria e/o dell’autorità giudiziaria. L’uomo, di origini comasche, ha ripetutamente indotto in errore la motorizzazione civile ed il pubblico registro automobilistico, dichiarando, falsamente, di essere proprietario di settantotto autoveicoli che in realtà erano nella disponibilità di altri individui intenzionati a rimanere anonimi. I reati contestatogli sono quello di truffa aggravata ai danni dello Stato, di falso in atto pubblico e di intestazione fittizia di autoveicoli. Nel dettaglio, secondo quanto ricostruito l’uomo, fornendo i propri dati anagrafici, predisponeva la necessaria documentazione e intestava i veicoli alla sua ditta individuale, usufruendo anche di risparmi ed agevolazioni fiscali (tra cui esenzione totale dal pagamento del bollo auto annuale, esenzione totale dal pagamento dell’imposta provinciale di trascrizione al Pra, relativa al passaggio di proprietà e riduzione dell’importo delle marche da bollo), fungendo così da mero prestanome.

about author

redattore

mdl@tvdigitale.biz

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *