Erario e Inps spietate: Amatrice paghi 90mila euro

La lotta (sbagliata) contro i contribuenti lascia solo macerie. Lo Stato batte cassa ad Amatrice, vuole qualche spiccio (90mila euro con gli interessi) e minaccia di fermare la ricostruzione del paese devastato dal terremoto del 24 agosto 2016. L’accanimento di Agenzia delle Entrate e Inps impavidamente denunciato dal sindaco del comune laziale Giorgio Cortellesi ieri sul Messaggero lascia senza parole. Con una raccomandata l’Erario ha chiesto ad Amatrice di versare 43mila euro per sanzioni e interessi per il ritardato pagamento delle ritenute Irpef del 2016 che l’amministrazione aveva versato solo nel settembre del 2018, in ritardo di un annetto. Chiariamo bene: l’amministrazione allora in carica era riuscita con mille acrobazie a pagare regolarmente gli stipendi ma non era riuscita a pagare i cosiddetti contributi Cpdel e Inadel dei propri dipendenti per due mesi: agosto e settembre 2016. «Non avevamo carta e penna, neanche il telefono, abbiamo pagato tutti i contributi ma in ritardo». Ma le sanzioni no. Lo scorso 3 febbraio anche l’Inps era arrivata a battere cassa: 50mila euro, il conto salatissimo della condanna definitiva, di cui almeno 40mila tra sanzioni e interessi per una «inadempienza contributiva» che risale al periodo del sisma. «Un’ingiustizia perpetrata a nostri danni», dice Cortellesi, che rivela come Inps e Entrate abbiano ulteriormente sollecitato il pagamento, per evitare sanzioni più alte di un terzo.

about author

redattore

mdl@tvdigitale.biz

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *