La Bielorussia approva una legge per confiscare le proprietà straniere in risposta ad «azioni ostili».

Le autorità bielorusse hanno approvato venerdì una legge che autorizza il sequestro di proprietà straniere in risposta ad “azioni ostili”, una mossa che ha avuto il via libera” di fronte alle “minacce agli interessi nazionali” nel Paese, tra la guerra in Ucraina e un giro di vite sull’opposizione in seguito alle accuse di frode dopo le elezioni del 2020.Secondo l’agenzia di stampa bielorussa BelTA, la legislazione mira a “garantire la sicurezza nazionale e la stabilità economica della Bielorussia e a proteggere i diritti e gli interessi legittimi” delle aziende e dei cittadini bielorussi.Il testo prevede come motivo per la confisca di oggetti e proprietà straniere “la commissione di azioni ostili contro la Bielorussia, le sue entità giuridiche o i suoi individui”, prima di sottolineare che la decisione rimane nelle mani del governo, dopo di che il comitato di regolamentazione delle proprietà deve presentare la richiesta al Tribunale economico di Minsk.La legislazione specifica che i beni che possono essere confiscati includono contanti, proprietà e azioni, notando che questi oggetti confiscati “diventano proprietà della Repubblica”.

about author

redattore

mdl@tvdigitale.biz

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *