Pos, bar di Prato aggiunge 50 centesimi per i pagamenti con la carta. È polemica: «Illegale»

Polemica per un bar di Prato che chiede 50 centesimi in più per i pagamenti con il pos. Il motivo? Le spese per le transazioni, così si legge sul cartello affisso alla cassa del negozio. Ma il costo per gli esercenti, in realtà, è inferiore: e varia dall’1,8% per il Pagobancomat fino al 4,45% per le carte di credito. La scelta del titolare dell’esercizio commerciale in Toscana fa discutere. E in realtà è illegale: in Italia è infatti vietato chiedere sovrapprezzi collegati al mezzo di pagamento.

about author

redattore

mdl@tvdigitale.biz

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *