Saldo e Stralcio dei debiti fiscali,anche su misura

Stralcio dei debiti fino a 1.000 euro con distinguo. La natura dell’ente creditore modifica, anche di molto, sia la possibilità di accesso al saldo e stralcio sia l’entità della definizione. Il distinguo previsto dalla legge di bilancio 2023 riguarda, nello specifico, gli enti creditori diversi dalle amministrazioni statali, dalle agenzie fiscali e dagli enti pubblici previdenziali. Com’è noto dal 1° gennaio scorso è attivo l’effetto del saldo e stralcio: possono considerarsi automaticamente annullati i carichi di importo residuo entro i 1000 euro affidati all’agente della riscossione dal 2000 al 2015 da parte delle amministrazioni statali, dalle agenzie fiscali e dagli enti pubblici previdenziali. Sempre dal 1° gennaio 2023 e fino al prossimo 31 marzo, la data in cui avverrà l’effettiva cancellazione dei carichi di importo residuo fino a 1.000 euro, è inoltre sospesa la riscossione per i debiti potenzialmente nel perimetro della sanatoria ed eventuali pagamenti effettuati su carichi annullabili (anche di rate di carichi oggetto di dilazione) non verranno restituiti ai contribuenti ma saranno definitivamente acquisiti dal fisco. Se per i carichi affidati al riscossore da amministrazioni statali, dalle agenzie fiscali e dagli enti pubblici previdenziali è tutto normativamente definito, resta però tutto da definire l’ambito applicativo sui tributi locali e sulle multe stradali. Per questa tipologia di debiti infatti, oltre ad una scontistica ridotta al fine di lasciare dovuto il tributo e l’importo della violazione in caso di infrazioni stradali, l’adesione al saldo e stralcio resta a scelta dei creditori enti locali che possono decidere non applicare le disposizioni speciali relative all’annullamento automatico dei loro crediti e delle sanzioni amministrative. Tale scelta dovrà essere resa nota dagli enti creditori che dovranno adottare e pubblicare sui propri siti internet entro il 31 gennaio prossimo uno specifico provvedimento che dovrà inoltre essere comunicato anche all’agente della riscossione sempre entro la fine del corrente mese.

about author

redattore

mdl@tvdigitale.biz

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *