Uno dei latitanti più pericolosi rimasti in circolazione è un camorrista

Renato Cinquegranella è ricercato da 20 anni. È accusato dell’omicidio di “Bambulella” a cui venne strappato il cuore

Dopo l’arresto di Matteo Messina Denaro restano quattro latitanti ritenuti dal ministero dell’Interno di massima pericolosità. Uno di questi è un esponente della camorra e il suo “curriculum” criminale gli vale “di diritto” l’inserimento in questa lista. Si tratta di Renato Cinquegranella, camorrista ritenuto esponente di quella che fu la Nuova famiglia, il cartello di clan contrapposti alla Nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo tra gli anni ’70 e ’80. Cinquegranella è latitante dal 6 ottobre 2002 per i reati di associazione mafiosa, concorso in omicidio, porto illegale di armi e altri reati. Nato nel 1949, il nome di Cinquegranella è legato a due episodi di enorme gravità che hanno segnato la storia della camorra e del nostro Paese.

Il primo è l’omicidio di Giacomo Frattini di cui si rese partecipe. “Bambulella”, così veniva chiamato l’affiliato alla Nco di Cutolo, venne torturato e assassinato in maniera brutale per vendicare un omicidio avvenuto all’interno del carcere di Poggioreale. Il corpo di Frattini venne trovato all’interno di un lenzuolo. Era stato decapitato, il volto sfigurato e gli erano state tagliate le mani e asportato il cuore. Un altro “caso” in cui compare il nome di Cinquegranella riguarda l’omicidio del capo della Squadra mobile, Antonio Ammaturo e del suo autista Pasquale Paola. Il boss è accusato di aver dato ospitalità ai membri feriti del commando delle Brigate Rosse che tolse la vita al poliziotto. Li accolse nella sua villa di Castel Volturno permettendo loro di fuggire, in un primo momento, dopo lo scontro a fuoco con i “falchi”. Un legame, quello con le Brigate Rosse, poi dimostrato dalla trattativa per la liberazione dell’assessore della Dc, Ciro Cirillo.

about author

redattore

mdl@tvdigitale.biz

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *