Michel Claise, pm del Qatargate che dice: “Il 50% pil italiano è gestito dalle mafie”

Il pubblico ministero belga Michel Claise che si occupa del Qatargate, oochi giorni fa, nelle stesse ore in cui le agenzie di mezzo mondo battevano la notizia dell’arresto di Matteo Messina Denaro, i lettori italiani potevano conoscere dalla sua viva voce (intervista su Fq) la sociologia criminale che informa la sua azione da investigatore. Si scopre così che Claise è un proibizionista che auspica la galera per chiunque consumi droga, «perché non immaginare, nel caso delle droghe pesanti, di considerare che anche chi consuma è parte della rete criminale?». Una posizione che si commenta da sola.Ma l’affermazione che più sbalordisce è quando il magistrato afferma che, «in Italia, mafie ricchissime stanno comprando una dopo l’altra tutte le aziende che stanno fallendo: il 50% dell’economia è attualmente nelle mani di mafie come Ndrangheta,Camorra e Cosa Nostra. Un stima è stata fatta dall’Istituto Bruno Leoni secondo cui il PIL italiano è di circa 1800 miliardi di euro compreso “una componente di circa l’11% di economia non osservata”. Se fosse come afferma Claise le mafie gestirebbero circa 900 miliardi l’anno, più del Pil di Belgio e Austria insieme. Il responsabile del Qatargate sembra non conoscere alcuni tra gli studi più recenti commissionati dalla Commissione europea, secondo cui il giro d’affari delle organizzazioni criminali in Italia incide per meno dell’un per cento del PIL.

about author

redattore

mdl@tvdigitale.biz

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *