Autore: redattore

Lo hanno sorpreso mentre cercava di scappare dal supermercato con un carrello pieno di prodotti. Gli agenti della Questura di Avellino hanno tratto in arresto un 25enne di origine rumena, in flagranza del reato di furto all’interno di un supermercato della città.Il giovane, dopo aver asportato dagli scaffali un cospicuo quantitativo di generi alimentari, per un valore di oltre 250 euro ed averli riposti in un carrello, aveva tentato di guadagnare l’uscita eludendo le casse, senza però tener conto del sistema di videosorveglianza e del sistema antitaccheggio acustico. Prontamente è stato bloccato all’interno della struttura commerciale dal personale preposto alla sicurezza e immediatamente consegnato agli agenti della Polizia di Stato prontamente giunti sul posto. Il 25enne è finito agli arresti domiciliari.

Due telefoni cellulari, perfettamente funzionanti, sono stati sequestrati nella Casa circondariale di Ariano Irpino dal personale di Polizia Penitenziaria. A dare la notizia è Tiziana Guacci, segretario regionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe), «E’ sempre grazie all’alta professionalità dei Baschi Azzurri di Ariano Irpino che ancora una volta si è riusciti a garantire la sicurezza interna dell’istituto. Durante le operazioni di perquisizione ordinaria della IV Sezione del vecchio Padiglione, personale della Polizia Penitenziaria ha rinvenuto, in un incavo appositamente fatto nel muro, due telefoni cellulari con caricabatterie. Oramai anche il rinvenimento di cellulari, così come le aggressioni al personale, sta facendo statistica e senza un immediato intervento dell’amministrazione sarà sempre più difficile garantire la legalità e la sicurezza all’interno dei penitenziari italiani», dice Guacci.

Il piano europeo si chiama “Green Deal Industrial Plan” la risposta dell’Unione europea all’Inflation Reduction Act (IRA) degli USA e al Made in China 2025 (MIC) di Pechino. Presentata pochi giorni fa, prevede una revisione delle regole sugli aiuti di Stato, l’istituzione di un Fondo sovrano, politiche di riqualificazione dei lavoratori e partnership internazionali.Protagonista delle carte “spoilerate” è soprattutto il “Temporary Crisis and Transition Framework”, cioè il quadro temporaneo di supporto alle aziende in crisi: una serie di regole già in vigore, ma che con il Green Deal Industrial Plan si arricchirebbe di alcune norme a favore della transizione.le risorse andrebbero solo a progetti su “batterie, pannelli solari, turbine eoliche, pompe di calore, elettrolizzatori e sistemi di cattura e stoccaggio dell’anidride carbonica (Ccus), oltre che alle relative materie prime.I finanziamenti non dovrebbero poi superare i 100 milioni di euro nelle regioni più ricche e i 300 milioni in quelle più povere. In questo modo, si eviterebbe una distorsione della concorrenza interna all’Europa: un pericolo denunciato dall’Italia.Intanto, il Governo italiano è al lavoro per migliorare la proposta, con il ministro Adolfo Urso impegnato in una serie di incontri con i colleghi europei e il commissario Thierry Breton.

Polemiche all’inizio del Festival ,l’ultima in ordine di tempo è legata alla presenza di Roberto Benigni, annunciato in conferenza stampa da Amadeus. Con il presidente della Repubblica Mattarella in platea, l’artista toscano celebrerà il settantacinquesimo anniversario della Costituzione italiana.”Per me sarà un immenso piacere riabbracciare Roberto”, le parole del direttore artistico della kermesse. Social scatenati, ma non solo: c’è chi si interroga sul compenso che percepirà il settantenne, complici le polemiche dell’edizione 2020.L’Associazione Utenti dei servizi Radiotelevisivi ha preso posizione sull’ingaggio di Benigni, chiedendo alla Rai di rendere pubblico compenso del comico.La Rai per il momento non ha fornito dettagli sul punto. Come anticipato, non è la prima volta che Benigni porta la Carta sul piccolo schermo: nel 2012 fu protagonista della serata evento “la più bella del mondo”, ideata per spiegare con semplicità i 12 principi fondamentali della costituzione senza tralasciare i temi principali e gli ideali. 

Più treni per il post-partita. Corse metropolitane straordinarie dopo il match di Serie A tra Salernitana e Juventus in programma questa sera, martedì 7 febbraio, alle  20.45 allo stadio Arechi di Salerno.Trenitalia, su richiesta della Questura di Salerno e in accordo con Regione Campania e Comune di Salerno, farà circolare treni metropolitani oltre il consueto orario di termine del servizio, così da consentire un più agevole deflusso degli spettatori.A partire dalle ore 22.35 saranno sei le corse supplementari, tre in direzione Salerno e tre in direzione Arechi, con fermate intermedie anche nelle stazioni di Torrione, Pastena, Mercatello e Arbostella.

Incidente frontale intorno alle 20 lungo la Via del Mare, tra San Marco e Santa Maria di Castellabate. Il bilancio è di tre feriti, fortunatamente in modo lieve.  I tre malcapitati, coinvolti, nel sinistro, sono stati trasferiti in ospedale, ma non sono in pericolo di vita.Sul posto anche i carabinieri della Nucleo Operativo e Radiomobile di Agropoli per ricostruire la dinamica del sinistro. E’ stato necessario anche l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Agropoli perché una delle due automobili era alimentata a gas. 

In seguito al violento terremoto che ha colpito Turchia e Siria, il suolo dell’Anatolia si è spostato almeno di tre metri. Con una magnitudo di 7.8, il sisma avvenuto fra il Sud-Est della Turchia e il Nord della Siria è stato mille volte più forte di quello dell’Irpinia del 1980 in termini di energia liberata. La scossa, seguita da centinaia di repliche, è stata registrata dai sismografi di tutto il mondo, fino alla Groenlandia, come rilevato dall’Istituto geologico danese. Il terremoto è avvenuto in una zona altamente sismica, punto d’incontro della placca Est anatolica, di quella Arabica e dell’Africana, con la prima che viene schiacciata dalla placca Arabica e spinta a Ovest, verso l’Egeo. “Nella zona di massimo movimento è avvenuto uno spostamento di almeno tre metri.,Lo spostamento di tre metri è una prima stima”, osserva il presidente dell’Ingv e misure più precise, “saranno disponibili non appena avremo i dati satellitari. Al momento abbiamo a disposizione solo modelli numerici”. I dati sono attesi dalle Sentinelle del programma Copernicus, di Commissione Europea e Agenzia Spaziale Europea e dalla costellazione Cosmo Sky-Med, dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Spese sanitarie, la detrazione muore con il beneficiario, a differenza di quanto avviene con i bonus edilizi. In caso di rate non godute per decesso, gli eredi non possono beneficiarne per sè stessi. Il trasferimento della detrazione, previsto invece in caso di agevolazioni edilizie, è precluso per assenza di una esplicita disposizione di legge in tal senso.L’importo residuo può essere solo portato in detrazione per intero in sede di presentazione, da parte degli eredi, della dichiarazione dei redditi per conto del defunto. A questa conclusione è giunta l’Agenzia delle entrate con la risposta a interpello n. 192 di ieri.Il dubbio fiscale è sollevato da una contribuente il cui marito ha sostenuto spese mediche per un intervento chirurgico scegliendo di ripartire la detrazione in quattro quote annuali di pari importo. Essendo il marito deceduto dopo la fruizione della prima rata, la moglie chiede se sia possibile trasferire agli eredi le rate di detrazione residue non fruite dal de cuius, al pari di quanto avviene con le spese per ristrutturazione edilizia.L’Agenzia fornisce però una risposta negativa. La possibilità offerta agli eredi dall’art. 16 bis, co. 2, secondo periodo del Tuir di fruire delle detrazioni rimanenti per spese di recupero del patrimonio edilizio al decesso dell’avente diritto, infatti, non è estensibile al caso delle spese sanitarie.

Raffica di proiettili mentre era alla guida della sua auto. E’ morto così Federico Vanacore, pregiudicato trentatreenne del quartiere Ponticelli. Un vero e proprio agguato quello andato in scena in viale Margherita dove il cadavere della vittima è stato rinvenuto dopo una telefonata al 112. Sul posto, all’interno di una Fiat 500L di colore rosso con targa francese, i carabinieri hanno rivenuto il corpo senza vita di Vanacore.Ancora da chiarire la dinamica ma da una prima ricostruzione sembrerebbe che i sicari, verosimilmente almeno due in sella a uno scooter hanno affiancato l’auto della vittima mentre si trovava all’altezza del civico 24 e hanno aperto il fuoco. Numerosi i proiettili che hanno raggiunto il trentatreenne in diverse parti del corpo e che non gli hanno lasciato scampo.