G.Colombo, si impara per essere liberi

G.Colombo, si impara per essere liberi

PIEDIMONTE MATESE (CASERTA), 19 FEB – Si impara per diventare liberi, e la regola è uno strumento per avere un risultato: questi alcuni dei messaggi dell’ex magistrato di ‘Mani Pulite’, Gherardo Colombo, agli studenti del Liceo Galileo Galilei di Piedimonte Matese (Caserta), in una ‘conversazione’ organizzata da Coldiretti Campania e Ue.Coop. Partendo dal libro di Colombo “Sulle Regole”, gli studenti hanno interagito con l’autore ponendo questioni. Libertà e regola, libertà e appartenenza hanno la stessa radice, occorre riflettere su questo, ha spiegato Colombo. Per poter scegliere è necessario sapere e avere discernimento, ha affermato rivolto ai ragazzi spronandoli. Hanno partecipato la dirigente del Liceo Bernarda De Girolamo, il responsabile di Ansa Campania Angelo Cerulo, monsignor Orazio Francesco Piazza, amministratore apostolico Diocesi di Alife-Caiazzo, il colonnello Emanuele De Santis, comandante del 10° Reggimento Carabinieri “Campania”, il vicepresidente nazionale di Coldiretti, Gennarino Masiello.

“Pizzo” a imprenditore,preso figlio boss

Arrestato anche complice, esecutore materiale estorsione

NAPOLI, 20 FEB – Sono accusati di avere estorto 2mila euro, nel dicembre del 2018, a un imprenditore impegnato ad eseguire con la sua ditta lavori a Sant’Anastasia (Napoli): i carabinieri della Sezione Operativa del N.O.R. della Compagnia di Castello di Cisterna, nel pomeriggio di ieri, hanno arrestato, con l’accusa di estorsione in concorso aggravata dal metodo mafioso, Ciro Perillo, figlio di Gerardo Perillo, boss del clan Perillo-Panico, e Giovanni Angelo Rea, ritenuti rispettivamente il mandante e l’esecutore materiale della richiesta di “pizzo”, “per aiutare le famiglie dei detenuti”.
    Il gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della DDA partenopea, ha disposto la custodia cautelare in carcere (nell’istituto penitenziario di Secondigliano) per Ciro Perillo e gli arresti domiciliari per Rea.

Pornostar a studenti, No al revenge porn

L’attrice: “Far circolare immagini è violenza

– SALERNO, 19 FEB – “Liberiamo ogni fantasia ma facciamolo sempre rispettando le libertà, le scelte consapevoli.
    L’amore è la cosa più bella. Se non lo governiamo può uccidere”.
    Lo ha detto l’attrice hard e imprenditrice Priscilla Salerno al liceo classico “Perito Levi” di Eboli (Salerno) dove ha partecipato a un incontro sul revenge porn e sul tema del sexting.
    “Conosco la sofferenza che può nascere dagli errori, da comportamenti sbagliati, da pratiche che si sottovalutano.
    Conosco i danni che possono nascere quando la nostra sfera privata, le nostre abitudini più intime, diventano di dominio pubblico e senza la nostra volontà. Una tragedia”. L’attrice ha evidenziato come “certe cose possano avere un effetto devastante” in quanto “ognuno può reagire nelle maniera più forte, inconsulta, violenta”. L’imprenditrice, rivolgendosi agli studenti, ha ribadito: “Far circolare le vostre immagini è meschino. È violenza. È una cretinata, è un reato che ha effetti devastanti. Non lo fate, mai”.

Salvini al Giffas,minacce per mia visita

Gestore centro, minacce? no messaggi di dissociazione

NAPOLI, 19 FEB – “Onore alle mamme e ai papà che ho incontrato oggi, che fanno l’avvocato, il medico, il commerciante ma dedicano la gran parte della loro giornata a questi 650 ragazzi. Una delle priorità di una regione come la Campania è ripartire da qui”. Visita al centro Giffas di riabilitazione neuropsicomotoria, stamattina a Napoli, per il leader della Lega, Matteo Salvini.
    “Mi hanno detto che ci sono diversi progetti fermi in Regione, da tempo, per allargare gli spazi, per rendere sempre più inclusivo il rapporto – ha aggiunto- perché non è solo una struttura per disabili ma l’obiettivo è inserire questi ragazzi speciali in un contesto normale”. “Questo centro ha ricevuto minacce per la mia visita”. “Se ho ricevuto minacce? Ho ricevuto messaggi che si dissociavano di quella che era la nostra posizione nell’accogliere Salvini”. Lo precisa Armando Profili, gestore del centro di riabilitazione Giffas dove oggi si è recato in visita Matteo Salvini.

Trapianto cuore, buone condizioni 11enne

Intervento in reparto dedicato dell’Azienda dei Colli

NAPOLI, 19 FEB – Resterà in prognosi riservata per le prossime 24 ore la piccola di 11 anni che ieri è stata sottoposta a trapianto di cuore nel reparto di Assistenza meccanica al circolo e dei trapianti nei pazienti adolescenti dell’Azienda Ospedaliera dei Colli, a Napoli. La paziente è ora ricoverata in terapia intensiva in box di isolamento ed è in buon compenso emodinamico e metabolico.
    La piccola è ricoverata dal 3 marzo scorso e, da 9 mesi era sottoposta ad assistenza meccanica al circolo con un cuore artificiale che la costringeva al ricovero in ospedale.
    L’Azienda Ospedaliera dei Colli mette in evidenza il lavoro di staff dell’equipe del dottore Andrea Petraio, responsabile della Uosd Assistenza meccanica al circolo e dei trapianti nei pazienti adolescenti, che ha gestito il decorso pre-operatorio e la delicata fase chirurgica con professionalità.