Category Archive : CULTURA E SPETTACOLO

“Appena l’ho vista ho fittato la casa in cui vivevo a Verona con la speranza di vivere da voi”, ci racconta TsiTsi

Kiladze (ribattezzata Nina in Italia) è una ragazza georgiana, che vive ormai stabilmente in Italia, precisamente a Verona da dodici anni. Come racconta però a NapoliToday è rimasta stregata da Napoli, vista per la prima volta l’estate scorsa, tanto da avere il rammarico di non essere riuscita a trovare un lavoro stabile nella nostra città. “Mi sono laureata in Georgia e poi sono arrivata nel 2010 in Italia senza neppure i documenti. Per fortuna sono stata accolta bene ovunque sono stata, ma quando per la prima volta ho visto Napoli, sono tornata a casa a Verona dove risiedevo e ho deciso di affittare casa per tornare a vivere nella vostra città. Purtroppo non ho trovato un lavoro stabile e ho dovuto rinunciare a tale sogno. Però appena posso torno, perchè Napoli mi manca da morire.

Strappo della giunta De Luca come annunciato durante la manifestazione dei giorni scorsi

“La Regione Campania informa che la giunta ha deliberato di procedere per impugnare dinanzi alla Corte costituzionale le disposizioni relative al dimensionamento scolastico”. Con questa nota Palazzo Santa Lucia ha annunciato il ricorso alla Consulta come anticipato nel corso della manifestazione per la scuola dei giorni scorsi. Era stato lo stesso presidente Vincenzo De Luca a parlarne ritenendo che il provvedimento creasse delle differenze tra nord e sud Italia.  

Il 5 febbraio si rinnova l’appuntamento con domenica lmuseo, l’iniziativa del Ministero della Cultura che consente l’ingresso gratuito, ogni prima domenica del mese, nei musei e nei parchi archeologici statali. Le visite si svolgeranno nei consueti orari di apertura, con accesso su prenotazione dove previsto. Porte aperte gratuitamente, quindi, anche in tutti i musei e i luoghi della cultura statali di Napoli come Castel Sant’Elmo e Museo del Novecento, Certosa e Museo di San Martino, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Museo e Real Bosco di Capodimonte, Museo della ceramica Duca di Martina in Villa Floridiana, Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes e Museo delle Carrozze e Palazzo Reale di Napoli. Ingresso gratuito anche alle aree archeolgiche di Pompei, Ercolano, Campi Flegrei e al Parco Archeologico Sommerso di Gaiola.

Dalle ore 𝟲:𝟬𝟬 di oggi 𝟯𝟭/𝟬𝟭/𝟮𝟬𝟮𝟯 alle ore 𝟲:𝟬𝟬 del 𝟬𝟮/𝟬𝟮/𝟮𝟬𝟮𝟯 saranno chiuse le corsie di transito in entrambi i sensi di marcia della Galleria Vittoria per consentire, a seguito di ultimazione dei restauri delle facciate, lo smontaggio dei ponteggi in sicurezza. Considerata l’importante funzione di collegamento tra il Centro e la zona di Chiaia-Posillipo-Fuorigrotta si è reso necessario predisporre un dispositivo temporaneo di viabilità alternativa che prevede: in 𝘃𝗶𝗮 𝗖𝗵𝗶𝗮𝘁𝗮𝗺𝗼𝗻𝗲, per consentire il collegamento in direzione ovest verso Chiaia-Posillipo-Fuorigrotta, in 𝘃𝗶𝗮 𝗚𝗶𝗼𝗿𝗴𝗶𝗼 𝗔𝗿𝗰𝗼𝗹𝗲𝗼, per consentire il collegamento in direzione ovest verso Chiaia-Posillipo-Fuorigrotta, 𝗶𝗻 𝗽𝗶𝗮𝘇𝘇𝗮 𝗩𝗶𝘁𝘁𝗼𝗿𝗶𝗮 𝗲 𝘃𝗶𝗮 𝗣𝗮𝗿𝘁𝗲𝗻𝗼𝗽𝗲, per consentire il collegamento in direzione Centro, l’istituzione di senso unico di circolazione. a𝗶𝗻 𝘃𝗶𝗮 𝗦𝗮𝗻𝘁𝗮 𝗟𝘂𝗰𝗶𝗮: il senso unico di circolazione da via Cesario Console a via Chiatamone

Il sindaco nell’occasione ha anche annunciato che gli 80 anni delle 4 Giornate di Napoli saranno festeggiati con numerosi eventi

“Oggi è una giornata importante non solo per ricordare il passato ma per trasmettere nel presente e nel futuro ai ragazzi il senso di questo sacrificio e il pericolo che questi episodi terribili possano ripetersi”. Così Gaetano Manfredi, sindaco di Napoli, ha commentato il Giorno Della Memoria.Il primo cittadino ha partecipato alla cerimonia di ricordo nella Prefettura di Napoli con i parenti di chi venne catturato dai nazisti nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Ricordare l’intolleranza e la violenza è il miglior modo di difesa della democrazia anche oggi in cui intolleranza e violenza ci sono ancora e l’Europa è tornata in questi mesi in un luogo di guerra e non di pace – ha proseguito Manfredi – Ma la memoria ci ricorda che libertà e tolleranza sono valori che devono essere coltivati e difesi ed è importante per i nostri giovani, dobbiamo trasferire la memoria ai nostri figli che affrontano oggi l’intolleranza che ancora esiste”.

Dura la vita dietro le sbarre e anche la finzione cinematografica non rende ciò che si prova al di là del muro. Nell’Istituto penitenziario di Poggioreale, dal mese di maggio dello scorso anno, invece il teatro si fa sul serio ed ha avuto inizio un viaggio nelle emozioni, grazie ad un laboratorio teatrale gestito dall’Associazione di volontariato “Carcere Vi.Vo”. Dodici ragazzi del padiglione “Firenze” hanno iniziato un percorso di laboratorio, durante il quale, non solo hanno acquisito tecniche teatrali, che hanno consentito loro di far interagire la mente, il corpo e le emozioni, ma hanno prodotto un testo dal titolo “La zattera”, con specifiche caratteristiche di metateatro, che porteranno in scena il giorno 26 gennaio 2023 nella Chiesa dell’Istituto penitenziario. Il Gruppo è accanto ai detenuti con le visite nelle carceri e la corrispondenza ai tossicodipendenti, favorendone l’ingresso in Comunità Terapeutiche, unica via per recuperare valori e stile di vita libera da ogni schiavitù, nonchè alle famiglie con visite domiciliari e l’ascolto presso il centro con accompagnamenti personalizzati.

Dopo il successo di pubblico ottenuto nella scorsa stagione teatrale, torna in scena lo spettacolo La Leggenda di Belle e la Bestia che farà tappa al Teatro Palapartenope di Napoli il 5 Febbraio 2023. Il musical sarà in tournée fino ad aprile in molte città italiane, tra cui Catania, Ancona, Bergamo e, per la seconda volta, a Milano. 

Lo spettacolo è firmato da Luca Cattaneo, autore e regista; le musiche, tutte originali, sono state scritte da Enrico Galimberti – in scena nel ruolo della Bestia – e seguono il racconto della vicenda, alternando momenti narrativi in stile colonna sonora a momenti di “pura canzone”.

Un cast totalmente rinnovato per uno spettacolo originale, liberamente ispirato alla favola di Jeanne-Marie Leprince De Beaumont, prodotto dalla Compagnia dell’ORA, specializzata nel family entertainment, che dallo scorso anno è diventata una crescente realtà produttiva nel panorama del musical italiano.

Le vicende della dolcissima Belle tornano in una versione inedita perché anche nelle storie già conosciute si possono trovare diversi spunti narrativi e far provare nuove emozioni. Si passa dalla risata alla commozione con una storia piena di sorprese dove la realtà si mescola all’immaginazione creando quella magia che solo il teatro può fare. 

Le coreografie di Silvia De Petri raccontano lo spettacolo e il suo magico mondo in modo vivace e diretto. Sono tutti numeri coreografici tecnicamente diversi ma complementari: alcuni più dolci e romantici, altri più dinamici e movimentati. È  proprio questa alternanza a rendere il musical coinvolgente. 

Lo spettacolo conta 6 diverse ambientazioni scenografiche, ideate da Fabrizio Cattaneo, con cambi di scena veloci arricchiti da oltre 70 cambi d’abito, realizzati dalla Sartoria Teatrale David Laura, che accompagnano lo spettatore nelle atmosfere della Francia dell’800. 

Sul palco tanti performer: Belle (Diletta Belleri), Bestia (Enrico Galimberti), Miguèl (Manuel Diodato), Clotilde/Clarisse (Elisa Priano), Poltrèn (Federico Della Sala), Vittòn (Alessio Bendoni), Angélique (Rebecca Comite), Séverine (Maria Fanelli), Bernard (Alessandro Gaglio), Bruke (Christian Peroni), Moon (Michele Iuliano), Principe (Alessandro Ventre). Ensemble: Chiara Gardini, Christian Peroni, Ilenia De Rosa, Teresa Chieco, Alessandro Ventre, Maria Fanelli, Sarah Corti, Michele Iuliano, Carlotta Fregnan. 

BIGLIETTI IN VENDITA SU TICKETONE.IT e CIAOTICKETS

La decisione delle Giunta comunale in virtù delle numerose richieste pervenute

Su proposta degli assessori all’istruzione, Maura Striano, ed al bilancio, Pierpaolo Baretta, la Giunta comunale di Napoli ha approvato uno stanziamento di circa 400.000 euro per consentire il funzionamento prolungato degli impianti termici a servizio di edifici scolastici e dipendenze comunali.

“Il provvedimento, considerate le numerose richieste pervenute da parte di scuole e servizi, consentirà di garantire anche attività extra  curricolari, pomeridiane, serali ed open day in scuole, uffici comunali, centri sociali e per anziani, biblioteche, mediateche, dormitori e centri di accoglienza, con il prolungamento dell’orario giornaliero di erogazione del riscaldamento sulla base dei bisogni e delle attività programmate”, si legge in una nota di Palazzo San Giacomo.

Il Principe Harry ha fatto rivelazioni personali e commenti infelici su tutti i membri della sua famiglia, essendo stato accusato di “mettere in luce i panni sporchi di famiglia” dal conduttore della CNN Don Lemon e da membri del pubblico britannico. Guardiamo esattamente cosa ha detto sulla sua famiglia e su chi ha inferto il colpo più duro.La monarchia adesso è in caduta libera.

La conduttrice Antonella Clerici ha raccontato al suo pubblico vicende molto personali che l’hanno segnata indelebilmente. La Clerici, infatti, ha rivelato di essere stata tradita e di averlo scoperto in maniera insolita. Il colpevole della sofferenza di Antonella è stato Eddy, suo storico ex fidanzato, nonchè padre della bellissima figlia della conduttrice, Maelle. Sicuramente, ciò che ci lascia allibiti è il come Antonella sia venuta a conoscenza di questa enorme mancanza di rispetto.