Category Archive : Entertainment

Dopo il successo di pubblico ottenuto nella scorsa stagione teatrale, torna in scena lo spettacolo La Leggenda di Belle e la Bestia che farà tappa al Teatro Palapartenope di Napoli il 5 Febbraio 2023. Il musical sarà in tournée fino ad aprile in molte città italiane, tra cui Catania, Ancona, Bergamo e, per la seconda volta, a Milano. 

Lo spettacolo è firmato da Luca Cattaneo, autore e regista; le musiche, tutte originali, sono state scritte da Enrico Galimberti – in scena nel ruolo della Bestia – e seguono il racconto della vicenda, alternando momenti narrativi in stile colonna sonora a momenti di “pura canzone”.

Un cast totalmente rinnovato per uno spettacolo originale, liberamente ispirato alla favola di Jeanne-Marie Leprince De Beaumont, prodotto dalla Compagnia dell’ORA, specializzata nel family entertainment, che dallo scorso anno è diventata una crescente realtà produttiva nel panorama del musical italiano.

Le vicende della dolcissima Belle tornano in una versione inedita perché anche nelle storie già conosciute si possono trovare diversi spunti narrativi e far provare nuove emozioni. Si passa dalla risata alla commozione con una storia piena di sorprese dove la realtà si mescola all’immaginazione creando quella magia che solo il teatro può fare. 

Le coreografie di Silvia De Petri raccontano lo spettacolo e il suo magico mondo in modo vivace e diretto. Sono tutti numeri coreografici tecnicamente diversi ma complementari: alcuni più dolci e romantici, altri più dinamici e movimentati. È  proprio questa alternanza a rendere il musical coinvolgente. 

Lo spettacolo conta 6 diverse ambientazioni scenografiche, ideate da Fabrizio Cattaneo, con cambi di scena veloci arricchiti da oltre 70 cambi d’abito, realizzati dalla Sartoria Teatrale David Laura, che accompagnano lo spettatore nelle atmosfere della Francia dell’800. 

Sul palco tanti performer: Belle (Diletta Belleri), Bestia (Enrico Galimberti), Miguèl (Manuel Diodato), Clotilde/Clarisse (Elisa Priano), Poltrèn (Federico Della Sala), Vittòn (Alessio Bendoni), Angélique (Rebecca Comite), Séverine (Maria Fanelli), Bernard (Alessandro Gaglio), Bruke (Christian Peroni), Moon (Michele Iuliano), Principe (Alessandro Ventre). Ensemble: Chiara Gardini, Christian Peroni, Ilenia De Rosa, Teresa Chieco, Alessandro Ventre, Maria Fanelli, Sarah Corti, Michele Iuliano, Carlotta Fregnan. 

BIGLIETTI IN VENDITA SU TICKETONE.IT e CIAOTICKETS

A mostrarlo nelle sue stories su Instagram è stata Valentina Pace, l’attrice che interpreta Elena Giordano

Marina e Roberto si sposano? È l’ultima indiscrezione sulle prossime puntate di Un Posto al Sole che sta facendo andare in fibrillazione i fan.

Sembra proprio che i due riusciranno a coronare il loro sogno d’amore, anche se non mancherà il colpo di scena: a rovinare le nozze dovrebbe infatti essere il tanto atteso ritorno di Lara con tanto di neonato al seguito.

È stata Valentina Pace, l’attrice che interpreta Elena Giordano, a mostrare nelle sue stories cosa accadrà nell’episodio 6136, che dovrebbe andare in onda a febbraio inoltrato.

La sequenza descritta nella pagina del copione mostrata si apre con Roberto Ferri (Riccardo Polizzy Carbonelli) e Marina Giordano (Nina Soldano) che rientrano a casa ancora vestiti con gli abiti del matrimonio, L’imprenditrice è però cupa in volto, perché? A casa Silvana, ignara che qualcosa sia andato storto, si congratula con la coppia ed è impaziente di vedere le foto. Ferri ed Elena la ringraziano ma Marina non riesce a celare la sua inquietudine. Intanto Alice non c’è, e questo fa pensare che qualcosa possa allontanarla dalla casa della nonna nelle prossime settimane.

Ma cosa ha turbato Marina? Nel testo si può leggere: “Marina ancora scossa e triste” e ancora: “L’arrivo di Lara con il bambino”.

“Attraverso la sua arte ha allietato gli italiani da più di quarant’anni a questa parte, è stato motivo di orgoglio per il nostro Paese”

“Sono commosso ed emozionato. Grazie, grazie, grazie. Sono pervaso da un insieme di sentimenti e spero di non piangere, anche se è un pianto di felicità perché queste sono cose che non capitano tutti i giorni”, è il commento di Massimo Ranieri, che ha ricevuto questa sera a Roma, dal prefetto Bruno Frattasi, l’onorificenza di Grande ufficiale al merito della Repubblica italiana.

“Voglio accompagnare la consegna di questo premio con qualche parola sentita di ringraziamento per tutto quello che ha fatto per il nostro Paese, perché è attraverso la sua arte che ha allietato gli italiani da più di quarant’anni a questa parte, è stato motivo di orgoglio per il nostro Paese”, ha detto Frattasi. “Dice la Costituzione che ognuno onora il proprio paese in tutti i settori, nelle professioni, nei mestieri, nelle arti e lei l’hai onorato nelle arti. L’ha onorato attraverso la canzone, il teatro, il cinema quindi questo riconoscimento è un suggello di questa lunga, bellissima carriera”

Sono dodici in tutto le persone rimaste ferite a causa dei botti illegali in città. Tre in provincia. Cinque minorenni in totale

Questa notte, a Napoli, almeno 12 persone, nel corso dei festeggiamenti per Capodanno, hanno riportato ferite a causa dell’esplosione di materiale pirotecnico o colpi d’arma da fuoco e hanno avuto bisogno di cure mediche nelle strutture sanitarie cittadine. Un uomo di 77 anni di Portici ha perso la prima falange di quattro dita. Un giovane di 27 anni ha perso il secondo dito della mano sinistra dopo aver raccolto un petardo in strada. Venti giorni di prognosi. Un ragazzo di 23 anni ha dichiarato ai sanitari che mentre camminava in strada uno sconosciuto avrebbe lanciato un petardo in terra, ferendolo alla gamba.

Analogamente, una signora di 79 anni è rimasta ferita a un piede per lo scoppio di un petardo. Frattura con amputazione delle falangi di due dita della mano destra a un uomo di 68 anni. Prognosi di 21 giorni. Un uomo di 52 anni è giunto al San Paolo dichiarando che, mentre era affacciato al suo balcone, è stato colpito da un petardo al volto. Prognosi di 7 giorni per contusione con ustione al viso.

Un ragazzino di 16 anni è arrivato al Cardarelli, accompagnato dai genitori, spiegando che, mentre era a bordo di un’autovettura, lo scoppio di un grosso petardo lanciato sotto il veicolo avrebbe fatto esplodere l’airbag che lo ha poi colpito in pieno volto. Il giovane è stato ricoverato per un importante trauma oculare bilaterale. Una donna di 46 anni si è ustionata alla mano per lo scoppio accidentale di un bengala.

Cinque giorni di prognosi per l’ustione superficiale del palmo della mano sinistra. Un bambino di 10 anni è stato portato all’ospedale Santobono per un trauma allo zigomo causato da un botto. Un altro di 8 anni è stato ricoverato per ulteriore accertamenti per un trauma oculare all’occhio sinistro causato dallo scoppio di un petardo.Un 64enne ha riportato un lieve trauma al secondo dito della mano sinistra per l’esplosione di un botto. Un 34enne ha ricevuto una prognosi di 21 giorni per la frattura e l’amputazione di alcune falangi della mano sinistra.

A un uomo sono saltate le dite mentre un altro ha perso un occhio

Sale a 16 il bilancio dei feriti per i botti di Capodanno tra Napoli e provincia. Secondo i dati aggiornati della Questura di Napoli, a restare ferito c’è anche un 18enne di Ponticelli, periferia di Napoli. Dei 16 feriti, 13 sono solo nella città di Napoli e cinque sono minorenni. In provincia i ferimenti si sono verificati a Frattamaggiore, per un maggiorenne ed un minorenne, e a Pozzuoli dove per la ferita alla mano di un minorenne la prognosi è di trenta giorni.

Nella maggior parte dei casi, i feriti dei botti di Napoli sono ricorsi alle cure del pronto soccorso dell’ospedale Pellegrini per lesioni alle mani. Nove gli accessi al reparto chirurgia della mano: ad un 77enne è scoppiato un petardo mentre lo lanciava e questo ha determinato una amputazione apicale delle dita. Un uomo trasferito da Caserta ha perso l’occhio destro e diversi sono stati anche i traumi acustici riscontrati. Feriti anche all’ospedale San Paolo dove si è intervenuti per un corpo estraneo in un occhio e lesioni ad una mano per un 18enne.

La nonnina del web si è spenta lo scorso novembre

“ANatale, a tavola, il posto che si nota di più è quello vuoto. Buon Natale Nonna Rosetta”. È il commovente messaggio di Casa Surace per la compianta nonna Rosetta, venuta a mancare il mese scorso.

Rosetta aveva 89 anni ed era un’assoluta protagonista dei loro sketch. Nata a San Giorgio a Cremano nel 1933, la nonnina del web aveva vissuto a Sala Consilina.

Casa Surace

Casa Surace è nata del 2015 dall’incontro tra ragazzi e ragazze di Napoli e Sala Consilina. Come factory e casa di produzione,  realizza i propri progetti facendo leva su cinema, teatro e nuovi linguaggi mutuati dalla rete, mantenendo sempre il giusto equilibrio tra spontaneità, satira leggera e divertimento.

Ha totalizzato più un miliardo di visualizzazioni su Facebook e YouTube; ha collaborato con i più importanti brand nazionali e internazionali, ha pubblicato un romanzo dal titolo “Quest’anno non scendo” (2018) edito da Sperling&Kupfer e “Il Manuale del Fuorisede” (2020) edito da Panini.

I carabinieri emiliani hanno messo in guardia rispetto al nuovo botto illegale

Come ogni anno è allerta in vista dei botti di Capodanno e per il 2023 la new entry nel mercato nero dei fuochi d’artificio potrebbe essere la “bomba Kvara”, il cui nome prende spunto dal nuovo giocatore e idolo del Napoli. A mettere in guardia è una nota dei carabinieri di Reggio Emilia ricordando l’usanza, che risale a decenni fa, di ‘bombe’ dedicate a personaggi noti ed eventi. Per questo, come sempre, in prossimità delle festività di fine anno il comando provinciale dei carabinieri di Reggio Emilia promuove la campagna di sensibilizzazione ”Usa la testa non rovinarti la festa”, rivolta soprattutto ai giovani, per educarli al corretto uso dei fuochi pirotecnici legali e disincentivare l’acquisto dei pericolosissimi fuochi illegali, che spesso provocano tante vittime. Anche quest’anno, il campionario dei fuochi d’artificio è assortito, ma anche estremamente pericoloso, specie di quelli proibiti. “La new entry, potrebbe quindi essere la ‘Bomba Kvara’, lo spauracchio del Capodanno 2023 che non poteva non essere legata al nuovo idolo calcistico – sottolineano in una nota i carabinieri di Reggio Emilia – Nuovo nome per adeguarsi all’attualità, e con un potenziale distruttivo sempre più grande giacché può contenere sino a 500 grammi di miscuglio esplosivo. Questo il nuovo botto, ovviamente illegale, che pare si stia diffondendo sul mercato parallelo dei fuochi d’artificio per Capodanno che altro non è che la riproposizione potenziata dei consueti e pericolosissimi ordigni che ogni anno vengono ribattezzati seguendo la cronaca e l’attualità del momento”.

I match di inizio anno degli uomini di Spalletti

Questo il calendario del Napoli nel mese di gennaio:

Sedicesima giornata Serie A: Inter-Napoli, mercoledì 4 gennaio ore 20.45

Diciassettesima giornata Serie A: Sampdoria-Napoli, domenica 8 gennaio ore 18

Diciottesima giornata Serie A: Napoli-Juventus, venerdì 13 gennaio ore 20.45

Ottavi di finale Coppa Italia: Napoli-Cremonese, martedì 17 gennaio ore 21.00

Diciannovesima giornata Serie A: Salernitana-Napoli, sabato 21 gennaio ore 18

Ventesima giornata Serie A: Napoli-Roma, domenica 29 gennaio ore 20.45.

Per Dazn il più bello è quello di Hernandez contro l’Atalanta. Il nigeriano secondo col la rete alla Roma, Kvicha decimo con il tiro a giro al Monza

Due napoletani nella top 50 Dazn dei gol più belli in Serie A nel 2022. Entrambi sono di questo folgorante inizio di stagione. Victor Osimhen si è classificato secondo con la pesantissima rete che ha regalato la vittoria al Napoli nel finale della sfida con la Roma all’Olimpico. Lanciato da Politano, il nigeriano ha bruciato Smalling in velocità e ha trovato un angolo pazzesco per battere Rui Patricio. 

Soddisfazione anche per Kvicha Kvaratskhelia, che ottiene il decimo posto con il gol messo a segno nella sua prima uscita allo Stadio Maradona, contro il Monza. Il georgiano ha raccolto ai venti metri un pallone toccato da Zielinski, ha superato un avversario accentrandosi e ha fatto partire un destro a giro per il vantaggio dei partenopei, che alla fine vinceranno per 4-0. 

La classifica dei 50 gol più belli è stata vinta da Theo Hernandez con il gol all’Atalanta, un coast to coast formidabile. Al terzo posto, dientro Osimhen, si è piazzato Olivier Giroud, con la sforbiciata allo Spezia. 

Ecco la video-sequenza delle dieci reti montata da Dazn italia

Mentre girava il servizio sulle pillole dimagranti miracolose

In onda stasera a Striscia la notizia l’inchiesta di Luca Abete sul commercio di pillole con presunti effetti dimagranti, vendute illegalmente tramite social da improvvisate dietologhe influencer che, oltre a garantire perdite di peso in tempi rapidissimi, prescrivono pure la dieta da seguire.

La troupe del tg satirico ha incontrato a Napoli una di queste “dieta-influencer” che vanta di essere in possesso di grossi quantitativi di un prodotto – importato dall’estero – che secondo gli esperti è assolutamente illegale in Italia per i problemi di salute che può causare, come già mostrato nella puntata del 10 novembre (vai al video). “Sono 85 euro. Mettile in borsa, perché io non le posso vendere”, dice subito la donna a un’attrice del tg satirico che si finge interessata all’acquisto. Poi consiglia la terapia: “Va presa tre mesi in continuazione, trenta minuti prima della colazione, con tre bicchieri d’acqua. Ma dipende da quanti chili vuoi perdere. Non fanno male”. Intercettata da Luca Abete la venditrice aggredisce l’inviato e la sua troupe con schiaffi, insulti e minacce. “Sei una bastarda. Pu**ana!”, urla all’attrice di Striscia. E ne ha anche per Luca Abete: “Ti distruggo!. Fate pena”. Poi scappa a bordo di un’auto.